Zidane chiude la porta: “Mai nella vita!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Il futuro di Zinedine Zidane continua a essere incerto, il PSG lo sogna ancora e intanto arriva una confessione che può essere decisiva

Zinedine Zidane è il prezzo più pregiato sul mercato degli allenatori in questo momento. Pluricampione d’Europa con il Real Madrid, Zizou si è guadagnato un posto come uno dei migliori allenatori degli ultimi anni. Va da sé che i top club a caccia di un nuovo tecnico pensino tutti all’ex fenomeno di Juventus e Real.

zidane psg marsiglia allenatore
Zidane © LaPresse

Ma dopo la fine della sua seconda avventura con i Blancos, Zidane non è più tornato in panchina. Nei mesi scorsi si è parlato parecchio della Juventus, prima del ritorno di Allegri, la squadra che lo continua a corteggiare da tempo è il PSG. Ormai non è un segreto che la proprietà qatariota farebbe carte false per vederlo al ‘Parc des Princes’, ma come vi abbiamo raccontato tempo fa la pista da parte dell’allenatore è abbastanza fredda. Zidane non è convinto fino in fondo del progetto del PSG, che nel frattempo ha sondato molti tecnici, tra Thiago Motta e Conte, Gallardo e altri. Senza contare la possibilità di allenare la Francia, di mezzo c’è anche una questione affettiva.

L’amico di Zidane confessa: “Lui al PSG? Mai nella vita…”

A spiegarla è il rapper marsigliese Soprano, molto vicino a Zizou: “Abbiamo parlato con lui del PSG, gli abbiamo messo un po’ di pressione (ride, ndc). E poi non ha mai detto di sì!”, ha raccontato a ‘L’Equipe’. E quando gli chiedono se immagina Zidane sulla panchina dei parigini, la risposta è secca: “Mai nella vita, non ci riuscirei! Anche se non ha mai giocato per l’OM, ​​Zidane rappresenta anche il Marsiglia”. Insomma, al momento la strada sembra sbarrata per il PSG, che molto probabilmente andrà su Galtier. Soprano racconta la sua amicizia con Zizou: “Ci conosciamo molto bene ora ed è pazzesco poterlo dire, siamo anche vicini di casa. Nei distretti settentrionali tutti parlavano della famiglia Zidane. Ci siamo incontrati anni dopo. È venuto ai miei concerti e ci siamo avvicinati rapidamente. Abbiamo lo stesso carattere, gli stessi valori: impegno, discrezione. Poi lavoriamo come una famiglia”.