A difesa totale di Allegri: “Non si può discutere! E alla Juve non esiste paura”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46

Stasera Juve-Inter catalizzerà l’attenzione dell’Italia calcistica e anche un grande ex la guarderà con attenzione, ma intanto va controcorrente su Allegri

Quasi tutto pronto per Juve-Inter, la finale di Coppa Italia nel Derby d’Italia forse più sentito della stagione. Sia Allegri che Inzaghi si giocano parecchio del loro presente e probabilmente anche del futuro, per quanto per entrambi sembri comunque abbastanza saldo.

allegri lippi juventus inter
Allegri © LaPresse

Sulla graticola c’è soprattutto il tecnico bianconero, che per parte della tifoseria non ha assolutamente soddisfatto le aspettative di risultati e di gioco. Anche nelle vittorie sono arrivate critiche importanti, ma la società continua a ribadire e dimostrare fiducia totale nel percorso iniziato con lui. In tanti sono quelli che hanno speso parole non proprio positive sull’allenatore di Livorno, ma c’è anche chi va controcorrente. Ad esempio Marcello Lippi, doppio ex della serata che ha parlato a ‘La Gazzetta dello Sport’: “Probabilmente la Juventus quest’anno non era una squadra da scudetto, e infatti non lo vince, magari lo starà per diventare”.

Lippi tuona: “Alla Juve niente ansia o paura. E Allegri non si discute”

Per i bianconeri è una sorta di ultima spiaggia, per evitare di chiudere la stagione senza trofei come non accade da 11 anni. Ma Lippi non teme contraccolpi: “Alla Juventus non c’è mai ansia o paura. Nella Juventus nessuno ha l’ansia, sono abituati a giocare le finali”. E poi le parole su Allegri e le critiche: “Sono quelli nostalgici delle vittorie, degli scudetti. Però non si può discutere un allenatore come Allegri. Di recente ho detto che Massimiliano è un ottimo gestore di grandi giocatori, davvero bravissimo a gestirli, ma probabilmente adesso nella Juventus mancano proprio un po’ di grandi giocatori. Vlahovic? Giocatore che dà la sensazione in qualsiasi momento di poter trovare la giocata giusta”.