Coronavirus, Fondazione GIMBE: “Circolazione ancora elevata, no a stop mascherine al chiuso”

Il consueto report settimanale della Fondazione GIMBE sull’andamento del coronavirus lancia un segnale, casi ancora piuttosto elevati

Diffuso il consueto report settimanale da parte della Fondazione GIMBE sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Italia. In esame, presi in questo caso i sette giorni tra il 13 e il 19 aprile, con numeri che suggeriscono di mantenere ancora un certo livello di attenzione.

Coronavirus, Fondazione GIMBE: "Circolazione ancora elevata, no a stop mascherine al chiuso"
Ambulanza © ANSA Foto

Dal report si apprende infatti che il numero totale dei contagi è minore rispetto ai sette giorni precedenti (353.193 vs 438.751), ma con un calo dei tamponi effettuati del 21,4%. Positivo il dato sul calo dei decessi (861 vs 929), come quello sulla situazione stazionaria di ricoveri (10.214 vs 10.207) e terapie intensive (422 vs 463). Stabile il numero delle vaccinazioni, in generale è una situazione che, come riferisce il presidente della fondazione, Nino Cartabellotta, è di plateau, con lieve tendenza alla flessione per quanto concerne tutti gli indicatori. Ma la circolazione del virus è ancora troppo elevata per abbassare la guardia: “Abolire l’obbligo di mascherina nei locali al chiuso dal 1° maggio è una decisione molto avventata per tre ragioni. Nei locali affollati e/o scarsamente aerati la probabilità di contagio è molto elevata; in secondo luogo, la vaccinazione offre una protezione parziale dal contagio; infine, ci sono milioni di persone suscettibili, non vaccinate o senza booster”.