Allegri tra il rimpianto Real e l’annuncio su Vlahovic

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00

Le dichiarazioni in conferenza stampa di mister Massimiliano Allegri, alla vigilia di Juventus-Bologna, match della 33a giornata di Serie A

E’ giornata di vigilia per la Juventus di Massimiliano Allegri. I bianconeri devono provare a blindare il quarto posto e farsi trovare pronti in caso di passi falsi da parte di Inter, Milan e Napoli. Serve dunque battere il Bologna.

Juventus-Bologna, la conferenza di Allegri
Massimiliano Allegri

Allegri in conferenza stampa presenta la partita contro gli uomini di Sinisa Mihajlovic, valevole per la trentatreesima giornata di Serie A.

BOLOGNA – Innanzitutto ci tengo a salutare Sinisa. Poi, noi abbiamo bisogno di punti comunque per consolidare il quarto posto.

BONUCCI – Leonardo sta bene, però devo decidere fra lui e Chiellini perché mercoledì abbiamo il ritorno della semifinale di coppa.

COMPETIZIONI – Domani abbiamo il Bologna, noi abbiamo sei partite da qui alla fine del campionato con due squadre dietro di noi. Bisogna fare molta attenzione, tanti punti, secondo me ancora 10 per fare la Champions, quindi alla Coppa Italia ci penseremo da dopodomani.

ITALIANE IN EUROPA – Siamo passati dal momento di esaltazione dopo l’Europeo, ma un conto è vedere la realtà delle cose, ma non è solo una cosa tecnica, bensì generale, basti vedere gli introiti. Poi dietro a questo ci sono i soliti discorsi, quando ci sono delle eliminazioni escono i problemi, che però ci son sempre, in Italia si mette la testa sotto per non affrontare i problemi, ma finché non prendiamo una strada non possiamo sapere se è giusta o sbagliata. Noi siamo bravi nell’arrangiarsi, ma non basta. Bisogna cercare l’anno prossimo di fare assolutamente meglio.

PIAZZAMENTO IN SERIE A – Ci siamo conosciuti, la squadra sta facendo bene da diversi mesi a questa parte, però questo è un momento cruciale perché dobbiamo assolutamente raggiungere un obiettivo minimo. Intanto, domani ci sono tre punti e da quelli non possiamo scappare.

CUADRADO E DANILO – Di Juan c’è stato il rinnovo, però sta bene. Ho solamente due centrocampisti, se voglio giocare a tre qualcuno devo mettercelo, se giochiamo a due invece bastano Zakaria e Rabiot.

DYBALA – Sono stato fortunato a lasciarlo in campo a Cagliari. Sta bene lui, ma tutta la squadra quindi da tutti mi aspetto tanto perché dobbiamo cercare di fare più punti possibili.

PROBLEMA STADIUM? – Sicuramente l’anno prossimo bisognerà migliorare i numeri perché perdere cinque partite allo Stadium incide.

RIMPIANTO REAL – Assolutamente no. Sono tornato alla Juventus molto contento e felice, poi ho mio figlio che vive a Torino e quindi è stata anche una scelta fatta per questo motivo, oltre perché volevo lavorare con la Juventus e fare quattro anni buoni per costruire qualcosa di importante. Non ho rimpianti, mi ritengo fortunato, mi sono tolto delle soddisfazioni e spero di togliermene anche altre.

KEAN – Moise ha fatto dei gol importanti, in questo momento gli altri stanno facendo meglio, ma lui è a disposizione.

VLAHOVIC – Spero che possa diventare capocannoniere. Vlahovic comunque sì domani giocherà.

NEDVED – Credo che lui abbia fatto un’esternazione, ma come capita spesso per chi sta in tribuna, difficilmente si resta fermi, però non c’è assolutamente nessun problema, tra l’altro stiamo lavorando tutti molto bene insieme e direi che ci sono tutti i presupposti per finire e ripartire al meglio.