Juve, è fatta: firma e annuncio a breve

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:13

La Juventus mette a segno la prima firma, che è ormai praticamente a un passo

La Juventus vive l’ennesimo momento decisivo della stagione, ma per estensione anche della sua storia recente. Le decisioni prese in queste settimane sono determinanti per il futuro oltre che il presente. A partire dalla questione rinnovi e l’addio doloroso a Paulo Dybala, che vivrà il suo ultimo mese e mezzo bianconero prima di svincolari.

juventus allegri perin rinnovo
Allegri © LaPresse

Ma l’argentino non è l’unico col contratto in scadenza, tutt’altro. La Joya è in buona compagnia, anche se per gli altri non è stato ancora definito il futuro. A partire dal collega di reparto Federico Bernardeschi, a cui non è stata ancora fatta recapitare una proposta. Allo stesso modo Mattia De Sciglio, nonostante il primo colloquio sembrato positivo, è ancora in attesa di un’offerta dalla società. E Juan Cuadrado, per cui il prolungamento dovrebbe essere già scattato alla 40esima presenza, ma si è parlato di una rinegoziazione delle cifre. Quindi la Juve è evidentemente un cantiere ancora apertissimo e per certi versi agli inizi.

Juventus, ecco il primo rinnovo: firma a un passo per Perin

juventus allegri perin rinnovo
Perin © LaPresse

Chi invece dovrebbe restare sicuramente è Mattia Perin, ultimo di questo elenco col contratto in scadenza ma il primo a firmare. Come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’, la Juventus e il portiere di Latina avrebbero trovato l’accordo per il rinnovo. Il suo futuro sarà ancora bianconero, confermando il ruolo da vice-Szczesny. E il nuovo accordo dovrebbe essere annunciato a breve, ma non sarà solamente di un anno. Perin firmerà per altri due o tre anni, magari con opzione, a cifre comunque più basse rispetto ai 2 milioni di euro abbondanti dell’ingaggio attuale. Fa parte anche questo della linea societaria della Juve, che ha scelto di puntare ancora su un portiere comunque affidabile. La notizia, per certi versi, è che l’estremo difensore del ’92, nell’anno delle 30 candeline, abbia scelto di proseguire la carriera da secondo. E non quindi cercando un posto da titolare che non farebbe fatica a trovare.