Sanremo, UFFICIALE: “Capienza al 100%” | Il mondo del calcio insorge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:53

Polemiche social in seguito ad una decisione che farà molto discutere nelle prossime settimane all’interno del mondo del calcio

Come noto, a causa del disarmante aumento dei contagi avvenuto in Italia tra fine dicembre e inizio gennaio, il governo italiano nelle scorse settimane aveva deciso di adottare nuove misure restrittive per facilitare il rallentamento della diffusione di Covid-19, penalizzando però quei settori ritenuti possibili fonti di focolai. Tra questi non si può non menzionare il mondo del calcio.

L'annuncio UFFICIALE: "Capienza Sanremo al 100%" | Il mondo del calcio insorge
San Siro ©LaPresse

Dopo una riapertura dello scorso settembre che aveva riportato la capienza degli stadi al 75%, nel corso dei mesi l’aumento della curva del contagio in Italia aveva costretto le autorità a fare un passo indietro ed ordinare ai club un ritorno al 50%. L’esplosione di casi avvenuta però a fine anno, quando proprio gli stadi di Serie A erano deserti per via della sosta natalizia di tre settimane, ha portato ad un ulteriore ripensamento ed una riduzione a 5mila spettatori per i match di Serie A con tutte le contraddizioni del caso.

Ad indignare nelle ultime ore il mondo del calcio, però, è stata la scelta annunciata dal sindaco Alberto Biancheri, il quale ha confermato che il Festival di Sanremo – in programma dall’1 al 5 febbraio e in accordo con le autorità governative – ospiterà al teatro Ariston il 100% della capienza: “La capienza sarà al cento per cento e secondo le norme vigenti si entrerà con super green pass. Sul red carpet ci saranno tutti i varchi di controllo e di sicurezza, come avvenuto negli anni passati, quest’anno con maggiore attenzione sotto l’aspetto sanitario”.

Festival di Sanremo, capienza al 100%: il mondo del calcio non ci sta

L'annuncio UFFICIALE: "Capienza Sanremo al 100%" | Il mondo del calcio insorge
Sanremo ©LaPresse

Una decisione che ha portato in rivolta i tifosi sui social, scatenando una vera e propria bufera mediatica. In vista del big match di domenica sera tra Milan e Juventus, a San Siro sarà infatti consentito l’ingresso solo a 5mila spettatori: inspiegabile secondo molti appassionati visto che si tratta di un evento all’aperto dalla durata di 90 minuti, in una struttura che può contare una disponibilità di oltre 70mila posti a sedere.

Ben diversa la realtà del teatro Ariston, uno spazio chiuso che nei 5 giorni del festival di Sanremo avrà la possibilità di utilizzare il 100% della capienza. Una scelta che, condivisibile o meno, si spera possa portare ad un allentamento delle restrizioni che nelle ultime settimane hanno nuovamente paralizzato gli stadi e l’economia del calcio italiano.

Antonio Siragusano