PAGELLE e TABELLINO Juventus-Sampdoria | Dybala, stavolta è Joya! Pendolino Cuadrado

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55

Juventus-Sampdoria: pagelle e tabellino della sfida dell’Allianz Stadium valevole per gli ottavi di Coppa Italia. Poker e goleada per i bianconeri, a segno anche Dybala

Tutto facile per la Juventus che con un poker di reti liquida la pratica Sampdoria all’Allianz Stadium nel match degli ottavi di Coppa Italia.

Juventus Sampdoria Cuadrado
Cuadrado in azione ©LaPresse

Cuadrado apre le marcature e galoppa sulla fascia, Falcone la combina grossa sulla punizione del colombiano. Rugani – puntale in difesa – firma la rete del raddoppio, mentre Dybala entrato da pochi minuti trova la ‘Joya’ personale e stavolta esulta davanti la tribuna. Chiude i conti Morata sul dischetto, non incide invece Kulusevski in appoggio allo spagnolo. Continua il momento negativo della Sampdoria, al quale non basta la prodezza di Conti.

LEGGI ANCHE >>> Primo Tempo Juventus-Sampdoria, voti e tabellino | Cuadrado elettrico, Kulusevski non ingrana

Le pagelle di Juventus-Sampdoria: esulta anche Rugani, notte fonda per Falcone e Magnani

JUVENTUS

Perin 6 – Spettatore non pagante tra i 5000 mila dello ‘Stadium’, fino al missile di Conti che può solo sfiorare.

De Sciglio 6,5 – Solido dietro, non concede nulla. Dà man forte a Cuadrado in fase di propulsione.

Danilo 6,5 – Rientro soft, senza macchie. Diligente in un ruolo non propriamente suo (61′ Chiellini 6 – In campo per blindare il risultato).

Rugani 7 – Non va mai in affanno di fronte al tandem offensivo blucerchiato. Risponde ancora una volta presente e ad inizio ripresa sigilla di testa il gol della sicurezza.

Alex Sandro 6 – Fa ancora una volta confusione e in spinta si limita al compitino. Un po’ meglio nella sorpresa col risultato al sicuro.

Cuadrado 7,5 – Elettrico sulla destra, le azioni più pericolose della Juve passano dai suoi guizzi. Falcone gli dà una mano sulla punizione del vantaggio, nella ripresa sfiora il bis sull’ennesima galoppata (75′ Akè 6,5 – Landucci e Allegri gli regalano il battesimo in prima squadra nell’ultima parte di gara. E il baby dell’Under 23 bagna l’esordio procurandosi il rigore del 4-1. Velocissimo e intraprendente).

Locatelli 6,5 – Sveglio e in palla, un sombrero quasi in area bianconera ‘riscalda’ i pochi intimi dell’Allianz Stadium. Ordinato e mai banale.

Arthur 7 – Detta sempre il passaggio, calamita una quantità industriale di palloni. Si propone anche in avanti, provando un paio di conclusioni a rete. Piazza sulla testa di Rugani l’assist del 2-0. In netta crescita rispetto alla scialba prova contro l’Udinese (75′ Bentancur 6 – Fa legna in mediana nel finale di partita).

Rabiot 6,5 – Bene nelle due fasi, con ritrovata continuità. Nel finale centra il palo su una bella azione personale.

Kulusevski 5,5 – Includente malgrado le tante potenziali chance che ha tra i piedi negli ultimi sedici metri (61′ Dybala 7 – Ovazione al suo ingresso in campo: gli basta la prima palla per trasformala in oro e chiudere la partita. E stavolta esulta, eccome).

Morata 6,5 – Gran movimento ad aprire spazi per i compagni, ma gli manca la zampata risolutrice in area blucerchiata. Il VAR gli nega la gioia del gol, ringrazia Dybala e dal dischetto finalmente può tornare ad esultare allo ‘Stadium’ davanti al suo pubblico. (79′ Kaio Jorge SV).

All. Landucci 7 – Due su due in panchina: dopo l’incredibile remuntada di Roma, timbra un nuovo successo in coppa con Allegri in tribuna. Juve che stavolta diverte e crea tanto in fase offensiva: il giusto viatico in vista del determinante incrocio Champions di domenica a San Siro contro il Milan.

juventus sampdoria dybala coppa italia
Paulo Dybala ©LaPresse

SAMPDORIA

Falcone 4 – La combina grossa sulla punizione non irresistibile di Cuadrado. Gli interventi su Morata, Rugani e ancora sul colombiano non bastano per riabilitarsi. Protagonista in negativo anche sul 3-1 firmato da Dybala.

Bereszynski 5,5 – Gioca nei tre dietro: in affanno, anche se non affonda come i compagni di reparto.

Magnani 4 – In difficoltà quando la Juve punta in velocità la difesa blucerchiata. Si fa beffare da Rugani sul raddoppio bianconero. Inoltre, pasticcia con Falcone sul tris di Dybala.

Murru 5 – Non riesce a contenere le folate di Cuadrado dalla sua parte.

Conti 6,5 – Fatica sul binario di destra, prima del ‘golazo’ con il quale ridà speranza alla Sampdoria (64′ Candreva 5,5 – Parte dalla panchina, non si accende quando entra in campo).

Thorsby 6 – E’ uno dei nomi più in voga sul mercato: non demerita e lotta nel cuore del centrocampo (64′ Vieira 5,5 – Non incide nella mediana ospite).

Rincon 5,5 – L’ex della contesa, cerca di dare la scossa ad una squadra che fatica a reagire. Nella ripresa cala d’intensità anche lui e la Samp viene travolta in mezzo.

Askildsen 5 – Fa la spola tra centrocampo e attacco senza grossi risultati. Manca l’occasione del clamoroso pareggio.

Augello 5 – Almeno lui ci prova ad affondare, anche se viene messo alle strette dai blitz di Cuadrado. Sbadato nel franare su Akè sul rigore poi realizzato da Morata (81′ Dragusin SV).

Caputo 5 – Praticamente un fantasma: fa il solletico a Rugani e Danilo. Notte da dimenticare per ‘Ciccio-gol’ (85′ Ciervo SV).

Torregrossa 5,5 – Qualche buona sponda a raccordo con i centrocampisti, in area avversaria però anche lui non lascia tracce (64′ Gabbiadini 5,5 – Ha pochi palloni per far male col suo sinistro).

All. Tufano 5 – Sampdoria in palese difficoltà e con una formazione incerottata. Può far poco di fronte alla maggiore cifra tecnica della Juventus: l’ambiente blucerchiato spera che possa arrivare subito una scossa con l’arrivo in panchina di Giampaolo.

Arbitro: Fourneau 5,5 – Si perde l’intervento falloso su Rincon in occasione del gol di Morata: il VAR lo aiuta e gli viene in soccorso. Una macchia dentro una partita tutt’altro che complicata da gestire.

TABELLINO

JUVENTUS-SAMPDORIA 4-1
26′ Cuadrado; 52′ Rugani; 63′ Conti (S); 67′ Dybala; 77′ rig. Morata

Juventus (4-4-2): Perin; De Sciglio, Danilo (61′ Chiellini), Rugani, Alex Sandro; Cuadrado (75′ Akè), Locatelli, Arthur (75′ Bentancur), Rabiot; Kulusevski (61′ Dybala), Morata (79′ Kaio Jorge). A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, de Winter, Pellegrini, Mckennie, Miretti, Soule. Allenatore: Landucci (Allegri squalificato)

Sampdoria (3-5-2): Falcone; Bereszynski, Magnani, Murru; Conti (64′ Candreva), Thorsby (64′ Vieira), Rincon, Askildsen, Augello (81′ Dragusin); Caputo (85′ Ciervo), Torregrossa (64′ Gabbiadini). A disposizione: Ravaglia, Saio, Ferrari, Aquino, Yepes, Trimboli, Candreva. Allenatore: Tufano

Arbitro: Fourneau (sez. Roma)
Ammoniti: Alex Sandro (J), Rincon (S), Vieira (S)
Espulsi:
Note: recupero 2′ e 4′; Spettatori: 5.000 per un incasso di 199.794 euro