Coronavirus, Fondazione GIMBE: “+153% di nuovi casi in una settimana”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

Coronavirus, il nuovo report settimanale della Fondazione GIMBE lancia l’allarme sull’esplosione dei contagi e sui dati della pandemia

La battaglia contro il Covid in Italia non conosce soste con i dati relativi alla pandemia che si fanno sempre più preoccupanti. L’andamento è stato ben sottolineato dal monitoraggio della Fondazione GIMBE, che a causa dell’aumento dei contagi ha ritenuto pportuno elaborare il monitoraggio dell’epidemia e campagna vaccinale anche questa settimana, pur non essendo previsto.

Coronavirus, monitoraggio fondazione GIMBE
Ambulanza © LaPresse

Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE evidenzia che nella settimana 29 dicembre 2021-4 gennaio 2022, c’è stata un’impennata di nuovi casi (810.535 vs 320.269), rispetto a quella precedente, con anche un ulteriore aumento dei decessi (1.102 vs 1.012).

LEGGI ANCHE >>> Pista sempre più calda: sarà il primo colpo della Juventus

In appena sette giorni raddoppiano gli attualmente positivi ed anche le persone in isolamento domiciliare, mentre salgono ancora i ricoveri con sintomi e le terapie intensive.

Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE dichiara: “Nell’ultima settimana si è registrata un’esplosione di nuovi casi che volano oltrequota 810 mila, con un incremento del 153% rispetto alla settimana precedente. Anche se l’impatto sui ricoveri in area medica e in terapia intensiva viene “ammortizzato” dalle coperture vaccinali – spiega Cartabellotta – di fatto l’enorme numero di casi, in crescita vertiginosa, sta portando ad una silenziosa e pericolosa congestione degli ospedali che, oltre a ridurre le capacità assistenziali versopazienti non COVID-19 ea mettere a dura prova la resilienza di professionisti e operatori sanitari, rischia di mandare in tempi brevi diverse Regioni in zona arancione e nel medio periodo qualcuna in zona rossa“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, decisione già presa | Ha convinto Allegri

Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione GIMBE, afferma: “Aumentano i posti letto occupati da pazienti COVID: rispetto alla settimana precedente +28% in area medica e +21,6% in terapia intensiva