Infantino rivela: “Ecco i nemici del calcio!” | Annuncio sui Mondiali ogni due anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:55

Gianni Infantino, presidente Fifa, ha parlato dei nuovi progetti che riguardano il futuro del calcio

Gianni Infantino, presidente della Fifa, ha parlato dei temi attuali che riguardano il calcio italiano e globale: Stadio Paolo Rossi? Non esiste essere contrari a Pablito. Tutti gli italiani dobbiamo sostenere questa idea e questo progetto di titolare lo stadio Olimpico a Paolo Rossi – spiega a ‘Radio anch’io sport’ su ‘Rai Radio 1’ – Nessuno come Pablito ha avuto un impatto positivo su tutta una generazione. Lui ha dimostrato che l’impossibile può diventare possibile. Per tutti i milioni di italiani all’estero quel Mondiale ha rappresentato qualcosa di eccezionale. Mi complimento col Parlamento e con il Governo”.

Gianni Infantino ©LaPresse

Infantino ha proseguito la sua analisi:”Mondiale ogni due anni? Non è una proposta della Fifa ma è stata richiesta da parte del Congresso uno studio di fattibilità. L’ottantotto per cento ha votato a favore di uno studio sul Mondiale ogni due anni. Lo studio fa vedere che dal punto di vista sportivo funzionerebbe. L’impatto economico anche sarebbe positivo. Ci guadagnerebbero ovviamente tutti. E’ un progetto anche a protezione dei campionati nazionali. Ci sarebbero meno soste per Nazionali e per i calciatori ci sarebbe una pausa dopo il Mondiale per poter recuperare. Europei? Potrebbero anche loro aver luogo ogni due anni”.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo calendario FIFA, Infantino non molla: lo schema dal 2024

Fifa, annuncio di Infantino sul futuro del calcio mondiale

Allarme Covid sul campionato | Rischio rinvii a catena in Serie A
Pallone Serie A © LaPresse

Infantino ha proseguito la sua analisi: “Sono contento di aver messo sul tavolo il tema delle Nazionali. Si parla molto di club ma è importante parlare anche delle Nazionali. L’importante sarà rispettare le opinioni di tutti. Ci vorrà tempo e prenderemo tempo. Già nel 2018 l’Italia non si è qualificata. Qualora non si qualificasse l’Italia avrebbe 12 anni senza Mondiali: una generazione senza queste emozioni”.

I NEMICI – “Oggi il nemico del calcio sono tutte le attività che i nostri giovani hanno al di fuori del calcio. Dobbiamo cercare di essere innovativi con le competizioni e le regole. Dobbiamo invogliare i bambini e le bambine del mondo ad abbandonare un attimo i telefoni e andare in strada a giocare a calcio”.

INNOVAZIONI – “Bisognerebbe pensare a un tempo effettivo di almeno 60 minuti. Persolamnete ero contrario al Var inizialmente ma poi studiandolo abbiamo notato che può aiutare l’arbitro”.