Spalletti replica al Milan: “Non capisco di cosa si parli”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14

Le parole di Luciano Spalletti alla vigilia di Napoli-Spezia: da Insigne a Osimhen alle polemiche post Milan

Dopo la vittoria contro il Milan, il Napoli torna al ‘Diego Armando Maradona’ sperando di sfatare il tabù che dura da qualche settimana. In conferenza stampa alla vigilia della sfida contro lo Spezia, Luciano Spalletti non può non partire all’assenza di Insigne, fermato dal Covid.

Spalletti
Spalletti © LaPresse

“Dispiace non avere elemento di quel livello, ma – sperando che la situazione migliori per tutti – dobbiamo affrontare il rischio che possa succedere e abbiamo l’obbligo di continuare a fare punti. Contro lo Spezia dovrà essere il continuo della gara di ‘San Siro’, dobbiamo far sì che di non essere mai usciti dallo stadio e vincere una partita complicata. Ci dispiace per quelli fuori, ma quelli dentro devono sapere il loro comportamento”.

COPPA D’AFRICA – “Per me è facile dire che è un mostro invisibile. Apprezzerò perché vedrò partite con i migliori giocatori al mondo, me nel mio spogliatoio mancheranno Koulibaly e Osimhen, mi mancheranno i riferimenti. Spero prevalga il buon senso”.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Omeragic, dal regalo di Ibrahimovic al sondaggio Napoli

Spalletti risponde al Milan: “Gol Kessie? Non capisco di cosa si parli”

Spalletti
Spalletti © LaPresse

Luciano Spalletti dice la sua anche sulle polemiche che hanno seguito Milan-Napoli per il gol annullato a Kessie per un fuorigioco di Giroud. Il tecnico del Napoli va all’attacco: “Per qualcuno a caldo era fuorigioco dubbio, a freddo però tutti – anche gli organi dell’AIA – hanno detto che è una regola di Uefa e Fifa e si sono espressi allo stesso modo. Ora se qualcuno vuole restare a caldo, è una decisione sua: una situazione più chiara di questa è difficile da trovare. Non capisco di cosa si parli”.

OSIMHEN – “Domani non ci sarà”.

ANTI INTER – “Non ci piace essere anti, ci disturba: vogliamo essere noi e vogliamo vincerle tutte. Poi vedremo alla fine di chi siamo meglio o peggio”.