Paris-Lione, l’OL reagisce: provvedimento durissimo contro i tifosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18

Fanno discutere i disordini accaduti in Francia durante Paris-Lione: il club di Aulas scende in campo contro i suoi tifosi

E’ stato un venerdì di grande tensione in Coppa di Francia. Ieri sera, la partita tra Paris FC e Lione, valida per i 32esimi di finale, è stata sospesa per scontri sugli spalti, degenerati in una invasione di campo a fine primo tempo da parte dei tifosi.

Paris-Lione, l'OL reagisce: provvedimento durissimo contro i tifosi
Tifosi francesi © LaPresse

La gara è stata sospesa dopo i primi 45 minuti sul punteggio di 1-1 tra il club parigino di seconda divisione e il Lione. Gli scontri hanno inevitabilmente causato tensioni anche tra le due dirigenze. Il presidente del Paris FC, Ferracci ha duramente contestato il comportamento dei tifosi del Lione, mentre il suo omologo Aulas ha richiamato a ‘responsabilità condivise’. Arriva, in ogni caso, il comunicato da parte del Lione che prende duramente posizione contro l’operato dei suoi supporters.

Lione, pugno duro di Aulas: trasferte vietate ai tifosi

Ecco il testo della nota apparsa sul sito ufficiale del club: “L’Olympique Lyonnais condanna ancora una volta fermamente tutte le violenze avvenute durante la partita Paris FC – OL. Poiché il calcio francese sta affrontando una crisi senza precedenti, questi incidenti sono inaccettabili e rappresentano una seria minaccia per il nostro sport – si legge – Da venerdì sera, il club si è messo a disposizione di inquirenti e autorità affinché si faccia luce su tutti gli atti commessi durante questa serata e si stabiliscano le responsabilità. L’Olympique Lyonnais si assumerà tutte le sue responsabilità e ora mostra un’estrema determinazione a vedere le persone coinvolte sanzionate. Il nostro staff ha già iniziato ad analizzare tutti i filmati e utilizzerà tutti gli strumenti a disposizione per punire chiunque venga identificato. L’Olympique Lyonnais applicherà il massimo delle sanzioni con forza e determinazione, compresa l’esclusione a vita dallo stadio. In questo contesto, fino a nuovo avviso e fino a quando non verrà fatta luce sull’identificazione dei colpevoli, l’Olympique Lyonnais decide di vietare ai gruppi di tifosi di viaggiare in trasferta”.