PAGELLE e TABELLINO Juventus-Malmoe | Kean fa e disfa, in tre deludono Allegri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:38

Juventus-Malmoe: pagelle e tabellino del match dell’Allianz Stadium valido per la fase a gironi di Champions League. Kean decide la sfida, bianconeri primi nel girone

Una vittoria che vale il primato nel girone di Champions alla Juventus. Bianconeri sempre in controllo contro il Malmoe, con il 3-3 tra Zenit e Chelsea che regala il primo posto (inaspettato) alla squadra di Allegri.

Voti Juventus Malmoe
Bernardeschi e Kean ©Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Primo tempo Juventus-Malmoe, voti e tabellino | Asse Bernardeschi-Kean, Bentancur non convince

Kean sblocca la contesa con un imperioso colpo di testa ma nel secondo tempo spreca troppo, Bernardeschi inventa l’assist della vittoria ed è il più continuo nella Juve. Diawara rende meno pesante il passivo per gli svedesi, malissimo Ahmedhodzic e Olsson. Bentancur, Rabiot e Alex Sandro deludono nello scacchiere bianconero nella serata gelida dell’Allianz Stadium dopo la fitta nevicata delle scorse ore.

Le pagelle di Juventus-Malmoe: ‘trivela’ Bernardeschi, Bentancur non ingrana

Juventus-Malmoe, disastro Bentancur
Rodrigo Bentancur ©LaPresse

JUVENTUS

Perin 6 – Normale amministrazione, il Malmoe non punge dalle sue parti. Solo un’uscita bassa per riscaldarsi un po’.

De Winter 6,5 – Positivo l’impatto del baby dell’Under 23, alla sua prima ufficiale dal primo minuto. Non sente l’emozione: attento nelle retrovie e pimpante quando deve spingersi in avanti. Meritati gli applausi del pubblico dello ‘Stadium’ al momento del cambio (71′ De Sciglio 6 – Torna in campo dopo una lunga sosta ai box per infortunio).

Bonucci 6,5 – L’attacco del Malmoe non gli dà particolari grattacapi. Non perde la concentrazione e insieme ad Arthur costruisce la manovra bianconera.

Rugani 6,5 – Risponde presente alla chiamata di Allegri. Non lascia varchi agli attaccanti svedesi e nelle prime battute si rende pericoloso di testa.

Bernardeschi 7 – Inventa di ‘trivela’ l’assist per il guizzo di Kean. Attivissimo partendo da destra, anche se alle volte fa arrabbiare Allegri tenendo un po’ troppo palla. Conferma di essere in costante crescita nelle ultime uscite (81′ Cuadrado sv).

Bentancur 5,5 – Perde qualche pallone di troppo, non ingrana da interno di centrocampo. Rimandato nella serata di Champions (89′ Miretti sv).

Arthur 6,5 – Partenza al piccolo trotto, poi si scalda e non perde un pallone mettendo ordine in mediana. Sfiora il gol del raddoppio con un bel destro sul finire della prima frazione. Buon rientro dopo tanta panchina.

Rabiot 5,5 – Ancora a corrente alternata, stavolta nel ruolo di mezzala. Utile in fase di non possesso, palla al piede non sempre sceglie la soluzione giusta.

Alex Sandro 5,5 – Un passo indietro rispetto alle ultime uscite. Troppo incerto in alcune letture di gioco: sente il fiato sul collo di Pellegrini…

Dybala 6,5 – Ormai agisce stabilmente sulla linea dei trequartisti per disegnare calcio. Sublime un suo filtrante non sfruttato a dovere da Bernardeschi. Allegri lo fa rifiatare togliendolo all’intervallo (46′ Morata 6 – Due assist importanti per Kean ma ancora una volta manca l’appuntamento con il gol).

Kean 6,5 – Torna a segnare con un lampo da centravanti di razza. Terza rete stagionale, dimostra di star bene dopo i fastidi alla caviglia accusati di recente. Nella ripresa però spreca troppo e manca il raddoppio della tranquillità: fa e disfa, c’è qualche fischio all’uscita dal campo (89′ Da Graca sv).

All. Allegri 6,5 – La Juve chiude nel migliore dei modi il girone di Champions, con la quinta vittoria su sei partite che vale anche il primato del girone visto il rocambolesco pareggio tra Zenit e Chelsea. Successo col minimo sforzo per la ‘Vecchia Signora’, che anche stavolta spreca troppo nella ripresa. La terza vittoria consecutiva dà comunque fiducia per continuare la scalata in campionato.

MALMOE

Diawara 6,5 – In colpevole ritardo su Kean nel gol che sblocca la gara. Si riscatta nella ripresa con due grandi interventi su Kean.

Moisander 5,5 – Alex Sandro non gli dà grossi problemi, lui però non ne approfitta.

Ahmedhodzic 4,5 – Si fa anticipare secco da Kean sull’1-0. In costante difficoltà.

Nielsen 5 – Anche lui, come il compagno di reparto, in balia degli avversari.

Olsson 4,5 – Bernardeschi e de Winter fanno quello che vogliono su quella corsia.

Berget 5,5 – Cerca di darsi da fare sulla destra, si spegne però presto.

Christiansen 6,5 – L’unico ad accendere la luce, le trame più interessante degli svedesi passano sempre dai suoi piedi. Sprecato in una squadra mediocre come il Malmoe.

Innocent 5 – Macchinoso a dir poco. Un tentativo di conclusione dai 30 metri finisce direttamente in fallo laterale… (89′ Nalic sv).

Rakip 5,5 – Ha poco tempo per incidere: è costretto ad uscire per infortunio (30′ Pena 5,5 – fa tanto movimento ma non è incisivo).

Birmancevic 5,5 – Cerca di sfruttare il fisico nel primo tempo. Nella ripresa non gli arriva una palla.

Colak 5 – Poco servito ma anche lui non ci mette cattiveria. Bonucci e Rugani hanno vita facile (78′ Abubakari sv).

All. Tomasson 5 – Il Malmoe fa poco o nulla per creare problemi alla Juventus. Squadra modesta, la classifica del girone non mente. Solo gli errori di mira dei bianconeri non rendono pesante il risultato.

Arbitro: Peljto 6 – Non ha particolari difficoltà nel tenere in pugno il match.

TABELLINO

Juventus-Malmoe 1-0
18′ Kean

Juventus (3-5-2): Perin; de Winter (71′ De Sciglio), Bonucci, Rugani; Bernardeschi (81′ Cuadrado), Bentancur (89′ Miretti) Arthur, Rabiot, Alex Sandro; Dybala (46′ Morata), Kean (89′ Da Graca). A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Chiellini, de Ligt, Locatelli. Allenatore: Allegri

Malmoe (4-4-2): Diawara; Moisander, Ahmedhodzic, Nielsen, Olsson; Berget, Christiansen, Innocent (89′ Nalic), Rakip (30′ Pena); Birmancevic, Colak (78′ Abubakari). A disposione: Ellborg, Dahlin, Larrson, Gwargis, Nalic, Brorsson, Nanasi. Allenatore: Tomasson

Arbitro: Peljto (Bosnia)
VAR: Martinez Munuera (Spagna)
Ammoniti: Colac (M), Innocent (M), Pena (M), Rabiot (J)
Espulsi:
Note: recupero 1′ e 4′; spettatori 17.134 per un incasso di 811.479 euro