Zanetti dopo Venezia-Verona: “Non do colpe alla rosa a differenza di altri!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:23

Paolo Zanetti, sconfitto dal Verona di Tudor, ha analizzato la prestazione odierna del suo Venezia nella 16a giornata di Serie A

Paolo Zanetti deluso dalla clamorosa rimonta subita dal suo Venezia. Il tecnico ha analizzato il 3 a 4 rimediato oggi nella gara casalinga contro il Verona di Tudor. Dopo il 3 a 0 firmato dai veneti nel primo tempo, nella ripresa gli ospiti sono andati in rete grazie a Simeone (doppietta), Caprari e un autogol di Henry.

Calciomercato Venezia, ora è UFFICIALE: rinnovo fino al 2024
Paolo Zanetti ©LaPresse

Chiaro il messaggio di Paolo Zanetti: “A caldo non dico nulla, oggi per noi è un boccone molto amaro. Si sono viste purtroppo le nostre due facce: quella bellissima del primo tempo, dove abbiamo fatto tre gol. Poi ho fatto du tutto affinché non accadesse quello che è successo – spiega a ‘Dazn’ – In questi momenti sono abituato a prendermi le mie responsabilità, a non dare la colpa ai giocatori o alla rosa come vedo che fanno altri. Io preferisco non farlo. Sono ancora convinto che se giochiamo così ci possiamo salvare”.

LEGGI ANCHE >>> Venezia-Verona, Tudor svela il ‘segreto’ della rimonta: “Negli spogliatoi…”

Venezia-Verona, Zanetti si assume le responsabilità dopo il 3 a 4

DIRETTA Serie A, Venezia-Salernitana | Segui la cronaca LIVE
Paolo Zanetti, allenatore del Venezia ©️ Getty Images

Zanetti ha proseguito la sua analisi: “Devo essere bravo io, l’allenatore sono io. Non siamo riusciti a gestirla, ci siamo trovati in una situazione nuova ed è uscita tutta la nostra inesperienza e fragilità. Devo essere bravo io a rialzare la squadra dopo questi momenti. Non parlo mai subito dopo aver vinto o perso, facciamo passare un po’ di tempo. Anche se avessimo pareggiato sarei venuto qui con questa faccia”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Simeone e Raspadori on fire | Rimonte per Sassuolo e Verona

I LEADER – “Credo sia Molinaro. Oggi ha fatto un primo tempo incredibile. Può essere da esempio di come si affronta una partita e come ci si allena da campione e da giocatore di Serie A. Mi tengo quello che di buono è stato fatto e sono convinto che questa squadra si possa salvare”.