Coppa d’Africa: possibile il rinvio di alcune gare di Serie A | La norma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:47

La coppa d’Africa impatta sul campionato di Serie A e spunta la norma che consente il rinvio di alcune partite: il dettaglio

Tre mesi di stop. Il Napoli fa i conti con la batosta Osimhen che quest’oggi si è operato dopo l’infortunio rimediato con l’Inter. Il nigeriano dovrà restare fermo per 90 giorni, un lasso di tempo in cui il 9 azzurro dovrebbe essere impegnato anche in coppa d’Africa.

Osimhen
Osimhen © LaPresse

Proprio della questione ha parlato a ‘Radio Punto Nuovo’ Enrico Lubrano, avvocato esperto di diritto sportivo, vicino alla società azzurra. Il legale ha spiegato: “Se Osimhen a gennaio non fosse in grado di giocare, la società potrà chiedere una visita medica alla federazione nigeriana e, se sarà accertato che il giocatore non può giocare senza incorrere i rischio, il club potrà imporre all’attaccante di non rispondere alla convocazione”. In questo caso però il Napoli non potrebbe utilizzare lo stesso Osimhen.

LEGGI ANCHE >>> Emergenza Napoli, UFFICIALE: dopo Osimhen si ferma un altro big in attacco

Coppa d’Africa, avvocato Lubrano: “Rinvio gare possibile”

Anguissa
Anguissa © LaPresse

L’avvocato Lucrano interviene poi anche sull’aspetto generale della coppa d’Africa e spiega che in un caso alcune gare di campionato potrebbero anche essere rinviate. In particolare il legale afferma: “Il regolamento FIFA si fonda sulla prevalenza della competizione internazionale ma anche sul coordinamento dei calendari. La Federazione internazionale deve predisporre dei calendari che consentano la partecipazione ai campionati nazionali ma anche le competizioni internazionali. Non ci può essere una disciplina di stop per competizioni europee o sudamericane e non per la Coppa d’Africa. Si tratta di una violazione anche dello statuto della FIGC che crea una situazione disomogenea con soltanto alcune squadre che perdono giocatori”.

Ecco allora lo scenario possibile: “Sarebbe possibile richiedere il rinvio delle gare: con la convocazione dai tre ai cinque giocatori con tre di questi stabilmente titolari, le norme attuali rendono possibile chiedere il rinvio delle 3 o delle 4 partite della squadra che ha subito le convocazioni. Secondo me la Figc sarebbe tenuta a concedere il rinvio”.