CMIT TV | L’On. Belotti sul caso Dazn: “È scandaloso. Pronto un esposto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:05

Alla nostra CMIT TV è intervenuto l’esponente della Lega Daniele Belotti: il deputato ha commentato il caso Dazn legato agli abbonamenti

Il caso Dazn riguardante gli abbonamenti ha creato una vera e propria bufera tra gli spettatori e non solo. Perfino il Governo ha deciso di intervenire per fare maggiore chiarezza sulla questione e tutelare gli spettatori. Sulla questione è intervenuto, alla CMIT TV di Calciomercato.it, l’onorevole della Lega Daniele Belotti: “La cosa secondo noi è scandalosa – esordisce Belotti – . L’utente ha sottoscritto un contratto ad agosto per tutto il campionato, prevedendo che magari poteva anche vedere le partite su due dispositivi”.

Dazn
Daniele Belotti alla CMIT TV

Prosegue: “Qui chi ha fatto il contratto è perché vuole vedere tutto il campionato, non è che vuole vederne solo metà. Perciò c’è una violazione delle norme previste. Non è che puoi vanificare il contratto che hai sottoscritto così presto. Per ora non c’è niente di ufficiale, ma nel caso fossero confermate le indiscrezioni, io ho già pronto un esposto all’AGCOM e all’AntiTrust. Vediamo cosa esce, intanto c’è stata una mobilitazione pesante di gente arrabbiata”.

Perché Dazn lo sta facendo? “La questione è puramente economica. Hanno messo sul piatto un miliardo di euro per vincere la gara alla Lega calcio. Io non so se una multinazionale con questa esperienza possa non aver previsto la presenza dei cosiddetti furbetti. Se hanno fatto l’offerta, l’avranno fatta in base a dei calcoli. Dov’è l’elemento centrale? Gli abbonati sono un numero molto più basso rispetto a quello previsto. Si parla di un 1 milione e 200 mila di DAZN e 700 mila di Tim Vision. Non arrivano neanche a 2 milioni“.

LEGGI ANCHE>>> CMIT TV |”Inter, pre-contratto per la cessione”, arriva l’annuncio

Incontro Dazn-Governo | L’On. Belotti: “La data è martedì pomeriggio”

Dazn
Dazn © Getty Images

Sull’incontro col Governo:La data è martedì pomeriggio, l’ora non la so. DAZN penso proprio che manderà i vertici più importanti. È un incontro decisivo, anche per una questione di immagine. Mi metto nei panni dei testimonial di Dazn, in particolare una certa bionda (Diletta Leotta, ndr). Ne escono male anche loro. Il rapporto era già compromesso. Gli insulti per come viene trasmessa la partita con le pause nella rete sono pesanti. Non vorrei che gli inviati che sono in campo si prendessero un po’ di insulti”.

LEGGI ANCHE>>> Inter, attacco frontale a Inzaghi: “Dice stupidaggini”

Possibile un passo indietro di Dazn? “Ci sono già le associazioni dei consumatori sul piede di guerra. L’azienda ne è uscita malissimo a livello di immagine e sono in difficoltà sui conti. Ci sono già state diverse prese di posizione politiche sulla questione, il ministro Giorgetti si è subito attivato. Questo a dimostrazione che non c’è l’intenzione che i tifosi vengano presi in giro. Non vogliamo vedere la passione dei tifosi usata in questo modo”.

Sul finale, Belotti – gran tifoso dell’Atalanta – si è lasciato andare ad un po’ di ironia in termini di calcio giocato e campionato: “Dovesse esserci un Roma-Atalanta decisivo per lo scudetto io starei a casa. Se me la vedrei su DAZN o Sky? No, nel settore ospiti e se non posso me ne sto fuori. In tribuna con Ghali? No, non penso (ride, ndr)”.