Serie A, Dal Pino contro Cts e Governo: “Calcio penalizzato, non è possibile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Serie A, il presidente di Lega Paolo Dal Pino attacca Cts e Governo sulla capienza degli stadi e indica i possibili effetti negativi

Ancora negli occhi il grande spettacolo di pubblico di ieri sera a San Siro per Milan-Inter, ma per il momento il Cts e il Governo non concedono ancora l’apertura degli stadi al 100 per cento della capienza.

Dal Pino
Paolo Dal Pino © LaPresse

Una decisione che non trova d’accordo Paolo Dal Pino, presidente della Lega di Serie A, che ha espresso in maniera forte il suo dissenso a ‘La Politica nel Pallone’, programma radiofonico di ‘GR Parlamento’. A suo avviso, il calcio risulta in questa fase troppo penalizzato e potrebbe pagarne lo scotto nel prossimo futuro.

Serie A, il monito di Dal Pino: “Se continua così i tifosi non si stupiscano”

Milan-Inter
Stadio San Siro durante Milan-Inter © LaPresse

“Il green pass è una misura fondamentale, ma deve valere – spiega – Tenere i cinema aperti al 100 per cento e gli stadi ancora al 75 per cento non ha senso. Il calcio è un’industria che compete a livello internazionale, i dati dei contagi sono migliori di quelli dell’Inghilterra e simili a quelli della Spagna. Il derby di ieri e le partite di Champions avrebbero potuto generare ben altri incassi. Poi i tifosi non si stupiscano se le squadre dovranno vendere giocatori per competere”.