PAGELLE E TABELLINO LEGIA-NAPOLI 1-4 | Mertens decisivo, Lozano in ripresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:39

Il Napoli in casa del Legia per la quarta giornata del girone di Europa League. Zielinski firma il pari, poi ci pensa Mertnes

Il Napoli soffre, ma vince ancora: contro la Salernitana basta Zielinski
Zielinski © Getty Images

PAGELLE LEGIA

Miszta 5 – Dimostra, come all’andata, una scarsa tecnica di base: stilisticamente molto rivedibile. Sfiora solo il rigore di Zielinski, non può molto sugli altri gol azzurri. Beffato da Mertens con lo scavino

Johansson 5 – Monta la guardia su Elmas ed il macedone gli scappa via solo una volta nel primo tempo. Nella ripresa cambia la musica e fa acqua

Wieteska 5.5 – Bel duello con Petagna, centimetri e forza: ed ha la meglio in più di una circostanza. Nella ripresa cala la condizione e la lucidità

Jedrzejczyk 5 – Soffre gli spunti di Lozano, senza l’ausilio di Mladenovic diventa tutto più complesso

Yuri Ribeiro 6 – Supporta bene su Elmas e Juan Jesus, trova un palo interno che grida vendetta in avvio di ripresa

Josué 4.5 – Nelle rare volte il cui il Legia imposta dopo il gol, il pallone viene pulito dai suoi piedi. Interviene in modo vigoroso e giudicato eccessivo su Zielinski in occasione del rigore. Poi, ingenuo nel rendersi protagonista anche per il secondo rigore a favore del Napoli

Slisz 5.5 – Il Napoli colleziona possesso palla, trottola in campo per cercare di tamponarlo, non sempre con successo (71′ André Martins –

Mladenovic 5 – Spinta importante quella dei primi minuti, mette in difficoltà il versante destro del Napoli. Alla distanza, però, scompare

Kastrati 5 – Buona gamba, ma sbatte su Juan Jesus e si perde il furore con il passare dei minuti e diventa anonima la sua gara (67′ Muçi 5 – Impalpabile il suo ingresso)

Emreli 5.5 – Trova il gol con una bella stoccata nel cuore dell’area di rigore e nient’altro (80′ Rafael Lopes sv)

Luquinhas 5 – Cerca di favorire gli inserimenti di Mladenovic con una buona tecnica nel palleggio. Quasi mai nel vivo

All. Michniewicz 5.5 – Dura il suo Legia, colpisce un palo. Poi, crolla sotto i colpi del Napoli

PAGELLE NAPOLI

Meret 6 – Nulla può sulla conclusione di Emreli, non gli capitano altri pericoli nel primo tempo. In avvio di ripresa, ancora una volta nulla avrebbe potuto sul tiro di Yuri Ribeiro: salvato dal palo

Di Lorenzo 7 – Nasce dal suo versante il suo il gol che porta al vantaggio polacco. Mladenović è un brutto cliente ed anche l’uomo dell’assist a Emreli, ma sulla fascia il terzino della nazionale spinge tanto e trova diversi cross interessanti. Scatta fino al recupero, completano la quindicesima gara stagionale su quindici del Napoli

Rrahmani 6 – Risucchiato al centro in occasione del gol polacco, non riesce ad evitare la stoccata di Emreli. Poi, molto ordinato

Koulibaly 6.5 – Prova anche l’imbeccata verso i compagni quando non sono i centrocampisti ad innescare le punte. Sempre puntuale nelle chiusure in velocità

Juan Jesus 6 – Non spinge come Di Lorenzo: ci può stare. Sul suo versante, però, non nascono pericoli

Anguissa 7 – Prova uno sfrotunato recupero last second su Mladenović in occasione del gol, gara top nelle due fasi, sfiora anche il pari. Non si ferma mai

Demme 6 – Prova a dettare il ritmo del gioco del Napoli, gioca tanti palloni, sempre con buona qualità e rapidità (65′ Lobotka 6 – Buon ingresso, minuti di qualità nelle gambe)

Zielinski 6.5 – Sua la doppia occasione poco dopo il quarto d’ora con tanto di traversa che avvicina il Napoli al pareggio. Poi, si procura e trasforma il rigore dell’1-1 (73′ Mertens 7 – Entra e trasforma il rigore del vantaggio con un mezzo cucchiaio, dedicando il gol al figlio in arrivo. Perfetto nell’azionare il gol dell’1-3)

Lozano 7 – Gli manca lucidità in un paio di circostanze, ma è l’uomo più vivace dell’attacco del Napoli. Una gara in crescendo che cancella qualche gara sotto tono. Sta recuperando la brillantezza dei giorni migliori: lo certifica la rete di opportunismo al 78′ che chiude i conti (81′ Ounas 6.5 – Subito buone giocate ed anche il gol dell’1-4)

Petagna 6 – Gioca di sponda, provando a lavorare palloni anche fuori area. Molto meno bene quando si tratta di concludere. Bravo e fortunato nell’assist a Lozano (81′ Zanoli 6 – Esordio con personalità in Europa)

Elmas 5.5 – Sfiora il pareggio, trova il tempo dell’inserimento, non fortunato nella conclusione. Si vede, però, poco durante la prima frazione. Migliora un po’ in avvio di ripresa, servendo l’assist per Zielinski nell’azione del rigore (65′ Politano 6.5 – Ingresso con il più classico argento vivo: si procura il rigore dell’1-2)

All. Spalletti 6.5 – Si prende il primo posto momentaneo nel girone, vince in trasferta con 7 assenze. Anche un po’ fortunato in avvio di ripresa, ma il suo Napoli diverte e si diverte. E si spiana la strada anche in Europa

VOTO ARBITRO

Visser 6.5 – Gara non compessa, sempre vicino all’azione. Josué, in occasione del rigore, spinge Zielinski, non va con la spalla. Rigore non clamoroso, ma non è un errore fischiarlo, giusto il secondo penalty per gli azzurri.

TABELLINO

Reti: 10′ Emreli, 50′ rig. Zielinski, 75′ rig. Mertens, 78′ Lozano, 90′ Ounas

Legia Varsavia (3-4-3): Miszta; Johansson, Wieteska, Jedrzejczyk; Yuri Ribeiro, Josué, Slisz (71′ André Martins), Mladenovic; Kastrati (67′ Muçi), Emreli (80′ Rafael Lopes), Luquinhas. A disp. Tobiasz, Pekhart, Kharatin, Celhaka, Skibicki, Wlodarczyk, Rose, Kostorz, Ciepiela. All. Golebiewski
Napoli (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Juan Jesus, Anguissa, Demme (65′ Lobotka), Zielinski (73′ Mertens), Lozano (81′ Ounas), Petagna (81′ Zanoli), Elmas (65′ Politano). In panchina: Idasiak, Ospina. All. Spalletti
Arbitro: Lawrence Visser (BEL)
Ammoniti: Elmas (N), Jedrzejczyk (L), Josué (L)
Espulsi: