Allegri senza ‘cazzimma’, la Juventus ha perso il cinismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11

I dati certificano come manchi la ‘cazzimma’, la giusta cattiveria alla Juve di Allegri: mai un gol nel finale, corner contro decisivi

Allegri senza 'cazzimma', la Juve ha perso il cinismo
Massimiliano Allegri ©️ Getty Images

I freddi numeri sono quelli che traducono le sensazioni che regala il campo. La sensazione che ha lasciato la Juventus contro lo Spezia è quella di una squadra che sta reagendo, che ha trovato 3 balsamici punti, ma che è ancora lontana dall’esser l’emblema del cinismo. Una caratteristica storicamente propria della Vecchia Signora e che nella prima gestione Allegri aveva raggiunto vette quasi intangibili. Bastava un gol a spezzare la partita, spesso messo dentro quando fa più male: alla fine del primo tempo, o quando al termine della gara mancavano pochi minuti.

Poi, c’era una volta la difesa bianconera: quadrata, tosta. Una linea che avrebbe fatto invidia agli strateghi militari delle guerre mondiali. Passano gli anni, passano (o invecchiano) gli uomini ed il risultato muta, anche piuttosto clamorosamente. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube!

Calci d’angolo e gol nel finale: cosa manca alla Juve

Allegri senza 'cazzimma', la Juve ha perso il cinismo
Rabiot © Getty Images

Leggendo i dati raccolti dal database di InstatScout (lo stesso che analizza tutti i campionati al mondo), emergono due aspetti indicativi. La Juventus, in queste prime 5 giornate di campionato, è l’unica squadra con Cagliari e Venezia a non aver trovato una rete negli ultimi 15 minuti né del primo né del secondo tempo. Un primato poco invidiato: segnare nei momenti topici della frazione sono stati spesso quelli determinanti. Mentre sono già 3 le reti subite dalla difesa di Allegri nell’ultimo tratto di gara, gol subiti che hanno pesato tanto sull’andamento molto poco brillante dei bianconeri.

LEGGI ANCHE >>> Adani sentenzia Allegri: “Solo urla e richiami, ma nessun percorso”

Altro dato che lascia molti dubbi sul nuovo corso allegriano arriva dalle palle inattive: sono già tre le reti incassate da calcio d’angolo, mentre solo uno all’attivo. Come se si fosse di fronte ad una squadra senza forza fisica, senza slancio. Per dirla con un espressione partenopea ormai sdoganata a livello nazionale: questa è una Juve senza cazzimma. La stessa che, nonostante la vittoria di La Spezia, sembra mancare, al momento, all’Allegri bis.