PAGELLE E TABELLINO Samp-Napoli 0-4: Anguissa top, Osimhen implacabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:22

Al Ferraris arriva il Napoli di Lucano Spalletti: la sfida è alla Sampdoria del napoletano Quagliarella. Finisce 0-4, super Napoli

Osimhen e Fabian festeggiano
Osimhen e Fabian festeggiano @GettyImages

PAGELLE SAMPDORIA

Audero 5 – Colpevole sul primo gol di Osimhen, troppo scarsa la sua reattività. Non sempre impeccabile, ma nelle altre reti non ha responsabilità dirette

Bereszynski 4.5 – Insigne lo punta e lo salta quasi sistematicamente (71′ De Paoli sv)

Colley 5 – Ci mette il fisico ed anche un buon tempismo nell’anticipo su un difficilissimo cliente come Osimhen

Yoshida 4.5 – Bruciato da Osimhen in più circostanze, va in difficoltà anche su Zielinski

Augello 5 – Lozano è un brutto cliente e si vede fin dai primi minuti, gara in costante apnea

Candreva 5.5 – Non trova la qualità nella giocata delle gare precedenti, ma è l’ultimo ad arrendersi

Thorsby 5 – Prova a fare tanto filtro, a lavorare su Fabian: fa del suo meglio, ma finisce risucchiato (71′ Askildsen sv)

Adrien Silva 4.5 – Si perde nei ritmi del Napoli, Anguissa gli fa giocare pochissimi palloni (55′ Ekdal – Entra a gara compromessa, può poco)

Damsgaard 4.5 – Di Lorenzo non gli concede il permesso di esser pericoloso, poco reattivo in fase di non possesso

Caputo 5.5 – Si batte, ma spesso pizzicato in offside, non può molto. Spera che arrivi il triplice fischio il prima possibile (84′ Ciervo sv)

Quagliarella 5 – Si vede poco nel primo tempo, cerca anche di fare da raccordo tra attacco e centrocampo (55′ Torregrossa 5 – Solo qualche sportellata da registrare)

All. D’Aversa 5 – Troppo Napoli, impossibile fare di più. Anche se la sua Samp arriva stanca all’incontro con gli azzurri

 

VOTI NAPOLI

Ospina 7 – Ottimi due interventi nella prima frazione, poi poco più dell’ordinaria amministrazione nel secondo tempo

Di Lorenzo 6.5 – Molto attento su Damsgaard e quando deve stringere verso il centro. Lascia agli attaccanti il compito di spingere

Rrahmani 6.5 – Preciso su Caputo, chiude bene gli spazi. Esce infortunato in avvio di ripresa (48′ Manolas 6 – Entra subito con un ottimo intervento in scivolata)

Koulibaly 7 – Tornato definitivamente ai suoi livelli, non sbaglia nulla e rende impossibile la vita all’attaccante che lo incrocia. In uno stato di fiducia pazzesco

Mario Rui 6.5 – Alla Rabiot, nel senso che fa l’esterno tattico e regala un ottimo contributo alla manovra

Fabiàn 7.5 – Play e goleador, sta vivendo una fase 2.0 della sua carriera, in un ruolo diverso da quello di interno. Evoluzione fantastica quella dettata da Spalletti

Anguissa 8 – Continua a lavorare in un modo pazzesco per recuperare palloni, inizia anche l’azione del terzo gol. Pazzesco il suo impatto, difficile immaginare qualcosa di superiore per un calciatore arrivato in prestito

Lozano 6.5 – Non infiamma nel primo tempo, ma qualche buona galoppata la trova: mette in difficoltà la catena mancina doriana. Nella ripresa, upgrade con tanto di assist per lo 0-3 (81′ Ounas sv)

Zielinski 7 – Passo per recuperare la migliore condizione: gioca alto nel 4-2-3-1, cerca il link costante tra i reparti, poi sfodera un gran gol, quello dello 0-4 sotto gli occhi del ct della Polonia, Paulo Sousa (68′ Elmas 6 – Fa più legna del compagno, ma riesce a dare continuità  all’azione offensiva)

Insigne 7 – Due assist, una serie innumerevole di giocate. Se lo scorso anno è stato top dal punto di vista della realizzazione, questa stagione sta brillando con una continuità di rendimento impressionante (68′ Politano 6 – Entra bene, buoni spunti a referto)

Osimhen 7.5 – Altri 2 gol, 5 nelle ultime 3 gare: il bomber che serve per le grandi imprese c’è. Instancabile, tosto: manca ancora un pizzico di cinismo per diventare un top continentale. La strada, però, è quella giusta (81′ Petagna sv)

All. Spalletti 8 – Troppo difficile non pensare a quella cosa lì. A Napoli si inizia a sognare, 5 su 5 ed una squadra che gioca un calcio bellissimo. Sta facendo un lavoro straordinario, solo applausi. E’ mancato al calcio italiano: tantissimo.

 

Arbitro Valeri 6.5 – Gestisce bene una gara agevole da gestire

TABELLINO

RETI: 10′ e 50′ Osimhen, 39′ Fabian Ruiz, 59′ Zielisnki

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski (71′ De Paoli), Colley, Yoshida, Augello; Candreva, Thorsby (71′ Askildsen), Silva (55′ Ekdal), Damsgaard; Caputo (84′ Ciervo), Quagliarella (55′ Torregrossa). A disp. Ravaglia, Falcone, Chabot, Dragusin, Ferrari, Murru, Trimboli. All. D’Aversa.
NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani (48′ Manolas), Koulibaly, Mario Rui; Fabiàn, Anguissa; Lozano (81′ Ounas), Zielinski (68′ Elmas), Insigne (68′ Politano); Osimhen (81′ Petagna). A disp. Meret, Marfella, Jesus, Malcuit, Zanoli. All. Spalletti.

ARBITRO: Valeri di Roma 2

AMMONITI: Damsgaard (S), Depaoli (S), Manolas (N)

ESPULSI: