Caso Sarri-Chiffi, parla la Lazio: “Arbitro denunciato, il mister può vincere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:21

Continua a far discutere Milan-Lazio per il battibecco tra Sarri e alcuni rossoneri: interviene anche l’avvocato del club biancoceleste

sarri milan squalifica chiffi lazio gentile
Sarri © Getty Images

In Lazio-Cagliari, Maurizio Sarri non era seduto in panchina per guidare la sua squadra nella partita poi conclusa 2-2. Il motivo è stato la squalifica di due giornate del tecnico toscano dopo la tensione a ‘San Siro’ nel match contro il Milan tra il battibecco con Saelemaekers e non solo. Sarri non ci sarà neanche contro il Torino dopo l’esito annunciato del ricorso biancoceleste, ma l’avvocato della Lazio ha spiegato cosa può succedere nelle prossime ore: “La verità processuale è scritta il rapporto dell’arbitro il quale lascia intendere che Ibrahimovic abbia aggredito Lucas Leiva e Sarri era solo intervenuto per calmare gli animi – racconta Gianmichele Gentile a ‘Radio Punto Nuovo’ -. Da lì sembra che un giocatore del Milan abbia preso in giro il tecnico, causando uno scambio verbale”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

“Nel corridoio dello spogliatoio Sarri si lamenta con l’arbitro dicendo che non può consentire di farsi prendere in giro da un ragazzino e alla fine è stata verbalizzata una bestemmia del mister. Crediamo – prosegue Gentile, legale del club biancoceleste – ci sia stata un’esagerazione nella sanzione del giudice sportivo perché ciò che ha pronunciato non si può classificare come un gesto blasfemo”. Poi sulle indiscrezioni che vedono addirittura Sarri intenzionato a querelare l’arbitro Chiffi: “Non ne ho parlato direttamente con Sarri, ma se riesce a dimostrare ciò che ha detto potrebbe vincere. Gli danno la possibilità di fare ricorso? Noi come Lazio abbiamo denunciato l’arbitro per quello che ha riportato nel suo rapporto e si sono giustificati affermando ‘forse ha capito male’, quindi se Sarri ha bisogno di lamentarsi non deve chiedere il permesso a nessuno”.