Mondiali 2022, il Qatar spinge per la partecipazione di soli calciatori vaccinati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

La questione Covid non si è ancora risolta ed anche sul mondo del calcio continua ad influire e non poco. In ottica Mondiali del Qatar 2022 potrebbe arrivare una svolta 

Mondiali Qatar 2022: solo calciatori vaccinati
Mondiali Qatar 2022 ©️ Getty Images

La lotta al Covid è ancora in pieno corso di svolgimento, anche se il mondo del calcio da qualche tempo sta provando a riprendere le attività nei limiti del possibile anche con il pubblico o almeno una porzione di esso. Intanto in Qatar si lavora ancora alacremente al Mondiale che si giocherà nel 2022 ed è inevitabile che la situazione pandemica vada anche ad influire su determinate scelte e misure da adottare in vista di un evento così importante e seguito a livello planetario. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Il mea culpa di Allegri: 180 milioni in panchina e la Juve già s’interroga

LEGGI ANCHE >>> “Grandi mezzi, zero grinta”: due big nel mirino dopo Juventus-Milan

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Nello specifico il governo del paese ospitante chiede che tutti i calciatori e gli staff partecipanti siano vaccinati. Le stesse autorità mediche del Qatar avrebbero già discusso con la FIFA nel tentativo di garantire che tutti i giocatori siano doppiamente vaccinati. Un portavoce della FIFA a ‘The Athletic’ ha spiegato: “Alla luce della pandemia di Covid-19, il Qatar, in quanto paese ospitante, fornirà le garanzie necessarie per proteggere la salute e la sicurezza di tutte le persone coinvolte nella competizione. Tutti i partecipanti devono seguire i consigli di viaggio delle autorità del Qatar e le ultime linee guida del Ministero della salute pubblica. Le informazioni complete sulle misure di sicurezza Covid-19 saranno comunicate a tutti i gruppi di clienti mentre ci avviciniamo alla competizione”. Una seconda ipotesi più ‘morbida’ è che i calciatori No-Vax debbano nel caso presentare test negativi ogni tre giorni.