Non solo Venezia, Scaroni anticipa quante partite salterà Ibrahimovic

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:59

Il presidente del Milan Paolo Scaroni ha parlato anche del ritorno in campo di Zlatan Ibrahimovic: quante partite mancherà

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic © Getty Images

Il Milan affronterà anche il Venezia senza Zlatan Ibrahimovic. Il problema al tendine di Achille accusato prima della gara di Champions League contro il Liverpool non è stato ancora smaltito. L’attaccante svedese, rientrato dall’operazione al ginocchio contro la Lazio (andando anche a segno), ha dovuto alzare bandiera bianca nella sfida europea sul campo dei ‘Reds’ e anche contro la Juventus nel big match della quarta giornata di Serie A. Un forfait che andrà avanti ancora per qualche gara: Ibrahimovic salterà anche la gara di mercoledì sera contro il Venezia e non ci sarà con ogni probabilità anche il prossimo fine settimana contro lo Spezia. Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

LEGGI ANCHE >>> Niente Milan, ma zero presenze: ora può lasciare l’Europa

Milan, Scaroni: “Mi aspetto che Ibrahimovic torni in Champions”

A parlare dell’infortunio di Ibrahimovic e soprattutto del suo ritorno in campo è il presidente del Milan Paolo Scaroni. In alcune anticipazioni di un intervento che andrà in onda questa sera su ‘Rete 4’ a ‘Quarta Repubblica’, Scaroni risponde così sul ritorno a disposizione dell’attaccante svedese: “Mi aspetto che torni per la prossima partita di Champions”.

Dopo Venezia e Spezia, i rossoneri sono attesi martedì 28 settembre dalla sfida contro l’Atletico Madrid a ‘San Siro’. In quell’occasione Pioli potrebbe tornare a contare anche su Ibrahimovic.

Tornando a Scaroni il presidente ha parlato anche dell’obiettivo stagionale del Milan: “Io sono uomo di business: noi da budget ci aspettiamo almeno il quarto posto. Questo è il nostro obiettivo: se arriva qualcosa in più siamo contenti”. Infine sul nuovo stadio: “Noi Milan abbiamo bisogno di un nuovo stadio a ‘San Siro’ e tutto il calcio italiano ha bisogno di stadi moderni”. Il motivo è da ricercare nelle entrate: “Quando lo stadio è moderno l’occupazione cresce del 50%, cioè gli spettatori crescono del 50% perché in uno stadio moderno, ben attrezzato, vanno famiglie intere, passano mezza giornata e non soltanto il tempo della partita. Le squadre con le quali competiamo incassano 100 milioni dallo stadio, noi 35: come possiamo sperare di avere risultati?”