Musica, discorsi ed emozioni: così Mourinho e la Roma da ieri sono ancora più innamorati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

La Roma si è ritrovata ieri sera dalle parti del Vaticano per una cena di squadra a cui hanno partecipato proprio tutti, Friedkin compresi

mancini roma mourinho cena

La vittoria al cardiopalma contro il Sassuolo è stata una delle serate più importanti e significative degli ultimi anni della Roma. Tanti i motivi, da quello meramente sportivo e di classifica alla ‘connessione’ tra squadra e tifosi con la corsa di Mourinho sotto la Sud, il traguardo delle 1000 panchine. Una serata così speciale, che lo Special One ha deciso di festeggiarla ieri sera in un ristorante di pesce nei pressi del Vaticano, con appuntamento a piazza Pio XI. Presente ovviamente tutta la squadra, ma anche i dirigenti compresi Dan e Ryan Friedkin, che hanno accettato ben volentieri l’invito. Una cena tenuta segreta ma che poi, con le notizie sul web e sui social oltre alla curiosità per il movimento attorno al locale – riservato interamente alla Roma – ha attirato parecchie decine di tifosi. Applausi e cori fuori dal ristorante per Mourinho, acclamato anche all’uscita dai tifosi in delirio, Pellegrini – sempre più vicino al rinnovo -, Mancini e gli altri.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

All’interno della sala tanta musica giallorossa, da ‘Mai Sola Mai’ con il cantautore Marco Conidi all’inno cantato a squarciagola da tutti i presenti. Poi gli scherzi e l’immancabile discorso, durato qualche minuto, di Jose Mourinho che ha ringraziato tutti per questi primi mesi trascorsi insieme, in ogni caso impressi nel cuore del portoghese per sempre. A prescindere dal futuro, che pure – come sottolineato da Mou – va ancora conquistato. Pellegrini e Mancini hanno poi consegnato una maglia celebrativa delle 1000 panchine al mister e la serata è continuata in totale sintonia anche con i Friedkin. Insomma, se dopo-Roma-Sassuolo il termometro dell’affetto era già alle stelle, se possibile dopo ieri sera la ‘connexione’ – come la chiamerebbe Mou – tra lui, la squadra e i colori giallorossi è ancora più stretta.