Dzeko scaccia il fantasma Lukaku: “Sono pronto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05

Dzeko parla del suo trasferimento dalla Roma all’Inter e si dice pronto per tornare in Champions League contro il Real Madrid

dzeko inter bosnia roma
Edin Dzeko © Getty Images

Giornata di Champions League per l’Inter di Simone Inzaghi, che ospiterà il Real Madrid per inaugurare l’edizione di quest’anno. Tra i giocatori simboli del nuovo corso nerazzurro c’è sicuramente Edin Dzeko, arrivato a Milano dalla Roma: del suo trasferimento l’attaccante bosniaco ha parlato ai microfoni di ‘Amazon Prime Video’.

LEGGI ANCHE >>> Milito e il sogno per la ‘sua’ Inter: “Volevo rivederlo in nerazzurro”

Inter, Dzeko punta il Genoa
Edin Dzeko © Getty Images

Dzeko scaccia il fantasma Lukaku: “Sono pronto”

“Ho avuto l’occasione di arrivare all’Inter due o tre volte almeno nella mia carriera. Non mi aspettavo di arrivare quest’anno: avevo ancora un altro anno di contratto alla Roma e avevo già parlato con Mourinho, per confermare che avrei dato tutto per la squadra. Ho molto rispetto per lui e per la società, ma sono successe delle cose negli ultimi sei mesi che non mi sono piaciute” ha detto Dzeko.

Ovviamente sulla situazione giallorossa pochi dettagli aggiuntivi: “La Roma mi ha dato tanto, quindi posso solo ringraziarli. Ero in scadenza, l’Inter mi voleva e sapevo che in giallorosso non mi avrebbero rinnovato il contratto. I nerazzurri hanno avuto molta fiducia in me, loro pensano che posso dare ancora tanto. Ho conosciuto il presidente Steven Zhang qualche anno fa a Milano e mi ha chiesto se mi vedevo da giocare dell’Inter. Anche l’anno scorso, dopo la sfida con loro, mi ha detto che venendo a Milano avrei potuto vincere lo Scudetto“.

LEGGI ANCHE >>> Klopp su Cristiano Ronaldo: “Non so cosa sia successo alla Juventus”

Poi Dzeko ha parlato dell’eredità che gli spetta, dopo l’addio di Lukaku: “Ha fatto tante cose importanti e portato tantissima energia in questi due anni, ma io non sento nessun peso: penso solo all’Inter e ad aiutare la squadra. Sono felice di giocare con Lautaro: possiamo fare grandi cose per la squadra. Non vedo l’ora di rigiocare la Champions League: contro il Real troviamo subito i migliori, ma siamo pronti”.