Autorità sanitarie in campo: clamoroso, match interrotto!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:43

In Brasile è stato interrotto il match di qualificazione contro l’Argentina. Le autorità sanitarie hanno prelevato quattro giocatori provenienti dall’Inghilterra

Brasile-Argentina match sospeso
Brasile-Argentina © Getty Images

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

Clamoroso a San Paolo. Brasile-Argentina, match attesissimo, valevole per le qualificazioni ai prossimi Mondiali, è stato interrotto, dopo soli nove minuti dal calcio d’inizio.

LEGGI ANCHE >>> Colpo di Stato in Africa, Nazionale rinchiusa in hotel: “Sentiamo spari”

Incursione in campo delle autorità sanitarie del posto, che hanno deciso di portare con se – come si può leggere su Olé – quattro calciatori,  che giocano in Premier League. Si tratta di Emiliano Martínez, Giovani Lo Celso, Emiliano Buendia e Cristian Romero.

I calciatori, provenienti dall’Inghilterra, come riporta Adnkronos, avrebbero fornito false informazioni nella documentazione necessaria per entrare in Brasile. Le autorità sanitarie erano state nell’albergo dell’Argentina, già, prima della gara.

AGGIORNAMENTO ORE 22.06 – Come si legge sul Twitter della CONMEBOL, la partita, tra Brasile e Argentina è sospesa. L’arbitro e il commissario di gara presenteranno una relazione alla Commissione Disciplinare FIFA, che determinerà i passi da seguire. Queste procedure rispettano rigorosamente le normative vigenti. Le qualificazioni ai Mondiali sono una competizione FIFA. Tutte le decisioni riguardanti la sua organizzazione e lo sviluppo – si legge – sono di competenza esclusiva di tale istituzione.

Emergono ulteriori particolari sul caso,  le autorità sanitarie brasiliane – come riporta ‘corriere.it’ – non avrebbero voluto fare uscire dall’hotel i quattro giocatori provenienti dall’Inghilterra, chiamati a fare 14 giorni di quarantena. La Federazione sudamericana sarebbe, però, intervenuta per permettere il via alla partita di qualificazione Mondiale.