Milan, Ballo-Touré: “Pioli mi ha detto cosa vuole da me. Monaco? Vi spiego cosa non ha funzionato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Conferenza stampa di presentazione per Ballo-Touré in casa Milan. Il terzino mancino risponde alle domande dei giornalisti

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

Giornata di presentazione in casa Milan. I rossoneri – il club più attivo sul calciomercato – ha acquistato dal Monaco, Fodé Ballo-Touré. Il nuovo terzino sinistro ricoprirà il ruolo di vice Theo Hernandez.

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Ecco le parole dell’ex Monaco, in conferenza stampa:

Cosa ti ha spinto a scegliere il Milan: “Vorrei dire che sono contento di essere qui al Milan. C’è stato un contatto tra Maldini e il mio agente. Non ci credevo all’inizio, poi hanno iniziato a parlarne Milan e Monaco e allora ho capito che era tutto vero”

Primi giorni – “Sono stato accolto benissimo al Milan. Ho già parlato con Pioli che mi ha spiegato cosa vuole da me. Pochi gol? Devo certamente migliorare sotto questo punto di vista. Differenze con Theo? Ognuno ha il proprio stile di gioco. Mi accomuna il fatto che sia veloce come lui”.

Ancora con Maignan – “Sono contento di ritrovarlo. Ovviamente siamo cambiati in meglio. E’ come un fratello che mi dà grandi consigli”.

Maldini valore aggiunto –Sono contento che mi abbia dato fiducia. E’ un punto di riferimento come persona fuori e dentro dal calcio. Da piccolo amavo gli attaccanti non mi ispiro a nessuno in particolare”.

Arrivo in Serie A – “Come ti migliorerà la Serie A? Nel mio ruolo potrò migliorare in entrambe le fasi a livello di tattica e tecnica. Numero di maglia? L’ho scelta perché il 5 così come il 3 contraddistingue il ruolo di terzino sinistro”.

Avventura negativa al Monaco – “Cosa non ha funzionato al Monaco? E’ un po’ il calcio, non sempre si riesce – risponde Ballo-Toure così alla domanda di Calciomercato.it – fa parte del gioco. Ci sta avere degli alti e bassi. Io ora penso al Milan e a dare al massimo”.

Differenze tra Ligue e Serie A –  “In Francia il campionato è più fisico ed intenso. In Italia ho visto che c’è molta tattica. Ci vuole molta concentrazione”.