Juventus, de Ligt sotto attacco con l’Olanda | “Non ha imparato nulla”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41

La Juventus assiste alle prestazioni di de Ligt con la maglia dell’Olanda a Euro 2020. Dura e inaspettata critica al difensore nelle ultime ore

Matthijs de Ligt è grande protagonista con la maglia dell’Olanda a Euro 2020. Il difensore centrale, con al suo fianco Stefan de Vrij, ha costituito una cerniera da clean sheet nella partita di ieri sera contro l’Austria. Il calciatore di proprietà della Juventus, nel 2-0 finale, ha messo in luce tutte le sue qualità, segnalandosi tra i migliori in campo.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Locatelli: prezzo alle stelle. La Juve alza l’offerta, si inserisce Paratici

L’ex Ajax ha palesato tutta la sua solidità, diventando praticamente insuperabile per l’attacco dell’Austria. Una prestazione che in molti hanno reputato da sufficienza ampia, rimarcando l’importanza del calciatore per la sua Nazionale a Euro 2020. La certezza è che de Ligt sia un perno assoluto, non solo dell’Olanda, ma anche della Juventus. Il centrale, infatti, si è configurato come uno dei migliori interpreti del suo ruolo in Serie A. Anche in una stagione non propriamente brillante, come l’ultima che ha caratterizzato i bianconeri, il centrale ha conquistato l’ammirazione e il rispetto di tifosi e addetti ai lavori. Nonostante ciò, nelle ultime ore, è arrivata una dura critica per il difensore centrale. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Juventus e Inter gelate: scambio ‘pericoloso’ tra United e Barcellona

Juventus, Van Basten critica de Ligt: l’attacco al centrale difensivo dell’Olanda

Juventus, dure critiche a de Ligt | "Non ha imparato a difendere"
De Ligt ©Getty Images

A sorpresa, dato la grande partita di ieri, è Marco Van Basten a rimarcare i difetti che, a suo avviso, de Ligt presenta ancora nel suo stile di gioco. In particolare, la bandiera, in un’intervista da ‘NOS’, sottolinea: “De Ligt gioca da centrale e deve garantire più leadership. Deve farsi sentire, guidare la difesa. Corre solo dietro al suo uomo, lasciando un buco enorme. E’ andato in Italia per imparare a difendere, ma non credo che lì abbia imparato molto”. 

La disamina dell’ex attaccante si sposta, più in generale, sullo stile di gioco che attualmente vige nell’Olanda, con troppi lanci lunghi e poco possesso tipico della Nazionale. Una valutazione generale che alla fine tocca de Ligt in prima persona. Critiche da incassare, ma a cui il centrale potrà rispondere ulteriormente sul campo, a Euro 2020.