Italia, Florenzi tra Euro 2020 e il calciomercato: “Mbappe il più forte. Su Mourinho…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:22

In vista di quella che sarà la sfida con la Turchia, ha parlato Alessandro Florenzi, che si è soffermato sulle questioni di campo e anche sul calciomercato

Manca ormai pochissimo all’inizio di Euro 2020. Sarà proprio l’Italia, in campo contro la Turchia, ad inaugurare la competizione con la prima partita del torneo. Per gli azzurri oggi in conferenza stampa ha parlato Alessandro Florenzi, che oltre a parlare di nazionale si è soffermato pure sul mercato e in particolare sul suo futuro. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Olanda, UFFICIALE: il big salta Euro 2020! L’annuncio

Calciomercato Roma, Florenzi su Mourinho: “Non ci penso”

Calciomercato Roma, Florenzi lascia il PSG | Ritorno dal Tottenham
Florenzi © Getty Images

In merito all’Europeo e ai favoriti per la competizione, Florenzi si è così soffermato: “La Francia è favorita soprattutto per il Mondiale vinto. Vincere però non è facile né scontato. Ci sono episodi che possono cambiare tutto. Loro hanno anche il giocatore più forte, Mbappe, ho giocato al suo fianco tutto l’anno. Però ci sono nazionali che possono insidiarli e tra questi ci siamo anche noi”. Sull’Europeo e la gara d’esordio: “La Turchia è una squadra forte, ha giocatori bravi soprattutto davanti e calciano molto in porta. Dovremo stare attenti. Abbiamo tanta voglia. Giocare l’Europeo nel 2021 ci permette di avere un anno di esperienza internazionale in più. Rispetto al 2016 siamo più forti”.

LEGGI ANCHE >>> Italia, l’emozione di Pessina: “Dodici mesi fa non ci credevo”

E poi sul mercato e l’eventuale ritorno alla Roma: “Sono focalizzato solo sull’Europeo. Non penso al futuro e il futuro non mi condiziona. Farò le valutazioni una volta conclusa la competizione. Essere allenato da Mourinho? Non ci penso”. Infine su Donnarumma e il Psg: “Nessuno deve dare consigli a Gigio. E’ la sua vita e la sua carriera. Sul Psg posso solo dire che mi ha aiutato tanto, sono stato in uno spogliatoio con tanti giocatori forti e di una squadra forte. Sono un giocatore migliore”.