Juventus, disagio Ronaldo | “Non accadeva dai tempi di Baggio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:37

Cristiano Ronaldo ieri non è sceso in campo nella vittoria contro il Bologna, decisiva in chiave Champions League. Le reazioni del giorno dopo non mancano

La Juventus è riuscita in extremis ad agguantare un posto tanto ambito per la prossima Champions League. Un obiettivo minimo per le ambizioni dei bianconeri in questa stagione, ma che sicuramente salva in parte un’annata, insieme alla Coppa Italia, che si era messa molto male per la ‘Vecchia Signora’.

Nella prestazione di ieri, però, è impossibile non sottolineare l’assenza di Cristiano Ronaldo. Proprio nella partita decisiva, la mancata titolarità del portoghese contro il Bologna fa sicuramente discutere. Il suo futuro appare ancora totalmente in bilico, ma intanto la scelta operata da Pirlo non sembra aver per nulla deluso i tifosi, sicuramente anche alla luce del risultato finale conseguito. Il giorno dopo, però, le reazioni sicuramente non mancano.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, indizi su Allegri | La sua strategia e l’intreccio in Serie A

Calciomercato Juventus, futuro Ronaldo in bilico: problemi di gestione anche per Pirlo

Juventus, Ronaldo out | La gestione di Pirlo: nuova frecciata
Cristiano Ronaldo ©Getty Images

A esporsi sul tema legato al futuro di Cristiano Ronaldo, ci ha pensato Paolo Condò. Il noto giornalista esprime su ‘Repubblica’ quanto sia stato importante avere un’ottima capacità di resistere alla pressioni per qualificarsi alla Champions League, soprattutto in chiave Milan.

Poi, però, si concentra in particolare su CR7 e la sua gestione: “Da molti anni, forse dall’epoca di Roberto Baggio, non si verificava il caso di un fuoriclasse così sofferto dai suoi allenatori. Andrea Pirlo è il terzo a rivelare il suo disagio nel gestirlo dopo Sarri e Allegri“. Parole forti che fanno intendere come ora il portoghese sia arrivato a un bivio cruciale per il suo futuro: “Sono passati tre anni, però, e quella che ai tempi di Allegri suonava come un’eresia – separarsi dal portoghese – ora sembra una prospettiva concreta, anche se CR7 continua a garantire quasi un gol a partita e la Champions, il suo habitat naturale, è stata salvata”. Non resta che attendere le prossime settimane per verificare quale sarà il futuro di Ronaldo. Ma un addio, in questo caso, non è affatto da escludere.