Calciomercato Milan, retroscena sul trasferimento | “Ha avuto un ruolo importante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:53
Milan Mandzukic
Maldini © Getty Images

Il nome nel mirino del Milan per diversi mesi spiega i motivi della sua scelta sul calciomercato. Ecco le sue ultime dichiarazioni

Il ha messo nel mirino diversi nomi negli ultimi mesi, alla ricerca del nome giusto per rinforzare la rosa sul calciomercato. In particolare, per lunghi tratti, sembrava che Paolo Maldini fosse interessato, per sua stessa ammissione, a Florian Thauvin per il suo Milan. L’esterno d’attacco del Marsiglia era in scadenza di contratto e sembrava potersi adeguare al meglio nel 4-2-3-1, a destra, dove si è sempre trovato maggiormente a suo agio in carriera. Sul calciatore sono circolate diverse voci anche in ottica Napoli, ma alla fine non arriverà in Italia.

Con il passare delle settimane, infatti, le trattative non sono mai veramente entrate nel vivo. Alla fine, il calciatore, anche un po’ a sorpresa, ha scelto di lasciare l’Europa e trasferirsi al Tigres. Nelle ultime ore, Thauvin ha dedicato un saluto molto affettuoso al Marsiglia, club a cui si è legato profondamente per larghi tratti della sua carriera. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da ‘L’Equipe’: “Addio al Marsiglia? È stata una scelta difficile per me. Mi hanno fatto un’offerta superba, un contratto di cinque anni, migliore di quello attuale: hanno fatto di tutto per tenermi. E’ il miglior club francese, ma anche difficile e faticoso. Non volevo danneggiare la società, se non fossi stato pronto al 100%”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, Champions (e Pioli) in bilico | Il possibile sostituto

Calciomercato Milan, Thauvin spiega il trasferimento al Tigres: Gignac decisivo

Calciomercato Milan, annuncio di Thauvin | Il retroscena sul trasferimento
Thauvin © Getty Images

Il futuro di Thauvin proseguirà, quindi, con la maglia del Tigres, nonostante le tante offerte europee, tra cui anche quelle italiane: Ho avuto l’opportunità di rimanere in Europa, con tanti interessamenti. La cosa più importante per me è divertirmi e sono sempre stato un amante dell’America Latina”. Svela poi come un suo connazionale abbia rivestito una parte essenziale della sua scelta: “Gignac ha avuto un ruolo importante, mi ha chiamato per parlarmi del progetto, poi ho parlato con i manager. Fin da subito, sono stato emozionato e convinto. Ho sempre visto Gignac divertirsi molto lì e allora ci siamo mossi rapidamente”.