Superlega, ora è guerra tra club | Juventus, Real Madrid e Barcellona contro tutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:39
Calciomercato Juventus, Agnelli
Agnelli © Getty Images

Caos Superlega, continua la battaglia: Juventus, Barcellona e Real Madrid pronti ad intraprendere una battaglia legale contro gli altri nove club

E’ stato un terremoto che ha scosso il mondo del calcio. Pochi giorni e poi i club sono tornati sui propri passi. Chi più e chi meno. Ma l’argomento Superlega continua comunque a far parlare di se. Al centro della discussione, ora, c’è il rapporto tra i 12 club fondatori, con una netta spaccatura che si sarebbe creata tra i tre “portabandiera” della Superlega e le altre nove società.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Superlega: rischio maxi stangata per quattro club | Le ultime

Caos Superlega, è guerra tra club

Superlega, Perez non molla e va contro Ceferin: "Minacce molto serie"
Florentino Perez © Getty Images

Come infatti riferisce il ‘New York Times’, Barcellona, Real Madrid e Juventus sono pronte a intraprendere vie legali contro gli altri nove club che avevano aderito al progetto Superlega. I tre club non hanno firmato la lettera di rinuncia al progetto inviata dall’Uefa e sono pronti a passare al contrattacco. Le società minacciano le vie legali nei confronti delle inglesi e di Milan, Inter e Atletico Madrid, facendo riferimento al documento della Superlega che tra le altre cose prevedeva una penale di circa 150 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, decide Agnelli!

La Uefa ha sottolineato come le sanzioni per i club che hanno rinunciato saranno meno gravi e ha nel frattempo annunciato quelle riservate ai nove club firmatari della rinuncia, ma la questione legata alla guerra interna tiene banco. Juventus, Barcellona e Real Madrid sono comunque pronte a tutto per dimostrare che le attuali regole del calcio non sono compatibili con le leggi sulla concorrenza e sul libero scambio. In una lettera inviata giovedì, sottolinea la testata statunitense, i club hanno accusato le squadre che hanno abbandonato la Superlega di aver commesso una “violazione materiale” dell’accordo tra i fondatori.