Italia, al via i vaccini allo Spallanzani | Parlano Immobile e Gravina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

Al via i vaccini allo Spallanzani per i calciatori della Nazionale italiana in vista di Euro 2020: le dichiarazioni di Immobile e Gravina



Dopo la decisione del Governo, oggi sono partiti i vaccini per i calciatori della Nazionale: la Federazione ha messo a disposizione due Hub vaccinali, l’Humanitas a Milano e lo Spallanzani a Roma. Fra i primi giocatori ad arrivare e ad essere vaccinati presso la struttura ospedaliera romana anche Lorenzo Insigne e Ciro Immobile. L’attaccante della Lazio, in particolare, ha espresso grande soddisfazione per l’opportunità avuta: “Ringrazio tutti per l’ospitalità e l’organizzazione, siamo rimasti stupiti. Siamo felici ed orgogliosi di aver fatto questo, spero che saremo d’esempio per tutti per ribadire che la vaccinazione è importante. Grazie al Governo e alla FIGC per questa opportunità”. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

Italia, al via le vaccinazioni | Gravina: “Ci consentirà di svolgere Euro 2020 in sicurezza”

Italia, da Immobile a Insigne: al via i vaccini allo Spallanzani
Foto CM.IT

Oltre a Ciro Immobile, anche Gabriele Gravina ha parlato ed ha commentato l’inizio delle vaccinazioni ai calciatori della Nazionale italiana. “Colgo l’occasione per ringraziare il Governo, perché questo ci consentirà di far svolgere l’Europeo con la massima sicurezza. Oggi solamente gli atleti sono i vaccinati e noi ci preoccuperemo di mettere in sicurezza tutti coloro che vorranno vivere l’evento sportivo. In continuità con quelli che sono i principi indicati dal Governo italiano, ci posizioniamo a valle di quelle che sono le fasce che hanno bisogno di maggiori attenzioni”.


Il presidente della FIGC, poi, ha continuato: “Oggi qui a Roma 12 atleti e a Milano altri 14/15 sono i calciatori indicati al momento nell’elenco da Roberto Mancini, poi questo numero sarà ristretto quando dovremo inviare la lista ufficiale alla UEFA. Quindi un grazie al Governo, di cuore, e anche al direttore Vaglia e al Commissario Figliuolo che ha organizzato e predisposto questa opportunità”.