AstraZeneca, Ema: “Eventi rari di trombosi cerebrale. Benefici superano i rischi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:47
Ema AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca © Getty Images

L’Ema torna ad esprimersi su AstraZeneca, in seguito ad alcuni casi di trombosi cerebrale e conferma che il rapporto rischio-beneficio rimane positivo

Attraverso una nota l’Ema ha ribadito che il rapporto rischio-beneficio complessivo del vaccino AstraZeneca rimane positivo e che i fattori di rischio specifici legati all’età, al sesso o alla precedente storia medica non sono confermati.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube!

Le rare trombosi dovrebbero essere elencate come effetti collaterali molto rari del vaccino Vaxzevria di AstraZeneca“, sostiene il comitato per la sicurezza dell’Ema (Prac).

“Chi riceve il vaccino – prosegue la nota – deve essere consapevole della possibilità che si verifichino, entro due settimane dalla vaccinazione, eventi rari trombotici associati a bassi livelli di piastrine nel sangue. Finora, la maggior parte dei casi segnalati si è verificata in donne con un’età inferiore a 60 anni ed entro 2 settimane dalla vaccinazione”.