PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-SAMPDORIA 1-1: Hauge provvidenziale! Theo-Silva disastrosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30
Pagelle Milan-Sampdoria Theo
Theo Hernandez © Getty Images

Pagelle e tabellino di Milan-Sampdoria, match valido per la ventinovesima giornata di Serie A

La Sampdoria va in vantaggio meritatamente con Quagliarella, servito da Theo Hernandez. Il Milan, in superiorità numerica grazie all’espulsione di Silva, la pareggia con Hauge.

Ecco i voti:

MILAN
Donnarumma 6,5 – Sempre attento, nel momento più complicato della partita vola sul colpo di testa di Thorsby. Non ha colpe in occasione del gol di Quagliarella.

Saelemaekers 6 –  Se la cava nel ruolo di terzino, sfonda un paio di volte, rendendosi pericoloso. Esce al termine del primo tempo dopo il cartellino giallo. Meglio non rischiare. Dal 45′ Kalulu 5,5 – Poco preciso nel servire i compagni, in difesa non soffre ma avrebbe dovuto dare di più soprattutto quando il Milan rimane in dieci.

Kjaer 6,5 – Nessuna sbavatura per il centrale danese, che tiene bene a bada gli attaccanti della Sampdoria.

Tomori 6,5 – E’ chiamato ad un grande sforzo nella prima fase del match, in cui la Samp spinge tanto. Sempre attento e preciso.

Hernández 4 – Un errore inspiegabile in fase di impostazione per il terzino che serve l’assist per Quagliarella. Nel primo tempo spinge come al solito, nel secondo dopo l’erroraccio non riesce a riscattarsi.

Kessie 6 – Non è il Kessie ammirato prima della sosta. Il centrocampista non ci mette la solita energia ma si salva con l’assist ad Hauge. Poi prende un clamoroso palo che avrebbe dato al Milan una vittoria insperata.

Bennacer 5,5 – Meno pulita del solito la regia dell’algerino che non riesce a far girare la squadra come dovrebbe. Dal 60′ Tonali 6 – Ingresso con personalità per l’ex Brescia, che fa meglio del compagno.

Castillejo 4 – Ancora una volta una partita da dimenticare per l’esterno spagnolo, che sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare. Dal 74′ Hauge 7 – Perde tutti i duelli con Candreva, poi si accende con un gol del pareggio davvero di ottima fattura.

Calhanoglu 5,5 – Non accende la luce come con la sua Turchia. E’ quello che ci prova di più dei rossoneri ma le sue giocate sono spesso sbagliate.

Krunic 5 – Un’ora senza spunti per il bosniaco che non riesce ad incidere in fase offensiva Dal 60′ Rebic 6 – Ha tanta voglia e si vede. Il croato va vicino al gol ma Colley è attento a salvare la porta della Sampdoria.

Ibrahimovic 5 – L’effetto nazionale sembra essere già svanito. Si mette a disposizione della squadra, abbassandosi tanto ma le sue giocate non sono sempre pulite.

All. Pioli 5,5 – Non arriva la svolta casalinga. Il suo Milan continua a faticare tanto. Indovina il cambio Hauge ma è inspiegabile il motivo che lo spinga a far giocare Castillejo

SAMPDORIA
Audero 6 – Non è chiamato ad alcun intervento importante, sempre attento, fino all’ultimo secondo, con una buona parata su Calhanoglu.

Bereszyński 7 – Non soffre mai gli avversari. Nella prima fase del match spinge anche bene, poi bada a difendere e lo fa bene. Decisivo in occasione del palo di Kessie.

Tonelli 7 – Sono tutti suoi i palloni di testa. Contiene Ibrahimovic ed è esce da San Siro con una super partita.

Colley 6,5 – Qualche svarione dopo il colpo subito alla testa, poi una prova da grande difensore.

Augello 6 – Partita di sostanza per il terzino mancino, che non fatica mai gli avanti rossoneri. Dall’89’ Yoshida s.v.

Candreva 6,5 – Gioca su tutta la fascia, rendendosi prezioso grazie al suo piede destro sempre educato. Si sacrifica in fase di copertura, in aiuto di Bereszyński. Il gol di Hauge gli fa perdere mezzo voto. Dal 90′ Leris s.v.

Thorsby 6,5 – Solo un super Donnarumma gli nega la gioia del gol. Grande per il centrocampista al quale Ranieri non rinuncia quasi mai. Di testa le prende davvero tutte.

Silva 4,5 – Un intervento inspiegabile su Castillejo, sulla trequarti offensiva, gli costa giustamente il secondo giallo.

Damsgaard 7 – Quantità e qualità per il danese che mette in difficoltà la retroguardia difensiva, ovunque giochi. Dal 90′ Verre s.v.

Quagliarella 7 – Era il giocatore che aveva faticato di più ma l’assist di Theo Hernandez è troppo ghiotto. Dall’83 Keita s.v.

Gabbiadini 6,5 – Si muove tanto, dando una mano importante alla squadra, con giocate sempre pulite per i compagni. Dal 61′ Askildsen 6 – Entra soprattutto per dare maggiore copertura alla squadra rimasta in dieci.

All. Ranieri 6,5 – Riesce a fare la partita che vuole. Mette sotto il Milan ma sbaglia nel fidarsi dei suoi centrocampisti, già ammoniti, non sostituendoli.

Piccinini 6 – Gestisce bene i cartellini, con il giusto rosso a Silva. Lascia correre in occasione del contatto Augello-Ibrahimovic. Una decisone che sembra corretta.

TABELLINO
MILAN-SAMPDORIA 1-1

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Saelemaekers, Kjær, Tomori, Hernández; Kessie, Bennacer; Castillejo, Çalhanoğlu, Krunić; Ibrahimović. A disp.: A. Donnarumma, Tătărușanu; Dalot, Gabbia, Kalulu; Hauge, Meïte, Tonali; Rebić. All.: Pioli.
SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszyński, Tonelli, Colley, Augello; Candreva, Thorsby, Silva, Damsgaard; Quagliarella, Gabbiadini. A disp.: Letica, Ravaglia; Ferrari, Regini, Toshida; Askildsen, Jankto, Léris, Verre; Balde, La Gumina, Ramírez. All.: Ranieri.

Arbitro: Piccinini di Forlì
GOL: 57′ Quagliarella (S), 87′ Hauge (M)
AMMONITI: 32′ Colley (S), 38′ Thorsby (S), 45′ Saelemaekers (M), 50′ Bennacer (M), 73′ Candreva (S)
ESPULSIONI: 59′ Silva (S)