CMIT TV – Milan, Biasin: “Donnnarumma si nasconde dietro Raiola”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:32
Fabrizio Biasin a CMIT TV
Fabrizio Biasin a CMIT TV

Fabrizio Biasin intervenuto a CMIT TV ha parlato della trattativa per il rinnovo di Donnarumma, non risparmiando bordate a Raiola

Il rinnovo di Donnarumma tiene banco nel calciomercato. La trattativa tra il Milan e il Raiola non si sblocca e sulla vicenda è intervenuto anche Fabrizio Biasin a CMIT TV. “E’ una situazione grottesca – ha affermato – . In questo momento ci sono una serie di procuratori che tengono sotto scacco il calcio mondiale, lo ricattano in qualche maniera. La formula è semplice: ho questo giocatore, nel caso specifico Donnarumma, e ti chiedo questa cifra, in questo caso 12 milioni. Me li dai? Vado avanti con te. Non me li dai? Porto il giocatore da un’altra parte. Ci troviamo nella situazione grottesca e insostenibile dei club che fanno giocare i giocatori che sono però di proprietà dei loro procuratori. E’ una cosa che non può durare: già prima stava rovinando il calcio, in epoca pandemica lo distruggono”. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, contatti avviati per il colpo gratis | Milan e Juventus spiazzate

Donnarumma
Donnarumma © Getty Images

Milan, Biasin: “Donnarumma deve imporsi”

Biasin chiede ai club di trovare una linea comune: “I club devono trovare la forza di sottoscrivere un qualche accordo che consenta di tutelare i loro investimenti e non lasciare questi giocatori nelle mani dei loro agenti. Nel caso specifico c’è una questione legata anche alle commissioni perché c’è Raiola che chiede 10-15-20 milioni e anche questo non va bene. Poi c’è una questione ulteriore: Donnarumma non ha più 15 anni, ne ha 22 e se veramente vuole restare al Milan deve imporsi, invece in questo momento si nasconde dietro il paravento del suo agente ed anche questo non va bene”.

Una situazione che può concludersi con l’addio del portiere anche se Biasin dice: “Non voglio credere ad un Donnarumma che lascia al Milan zero, sarebbe una cosa impressionante. La società ha fatto tanto per lui: attenzione a quello che capita perché potrebbe essere qualcosa di cui si parlerà per tanto tempo. Donnarumma deve decidere: vuole essere il portiere bandiera del Milan oppure fare un altro percorso. Vie di mezzo non esistono”.