Vulpis (vicepres. Lega Pro) a CMIT TV: “Dobbiamo agire in fretta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:41
CMIT TV - Parla Marcel Vupis, vice presidente della Lega Pro
Marcel Vulpis a CMIT TV

Marcel Vulpis, giornalista e vice presidente della Lega Pro, è intervenuto ai microfoni di CMIT TV questa sera 

È un quadro a tutto tondo quello che ci fornisce il vice presidente della Lega Pro, Marcel Vulpis, intervenuto in serata ai microfoni di CMIT TV: “Come sistema calcio avevamo delle criticità ancor prima del COVID, che ha soltanto messo a nudo una serie di debolezze che erano comunque di sistema. Credo che Gravina, che già aveva aperto un tavolo di consultazione, proseguirà nel progetto di riforma dei campionati. Ci troviamo anche con una serie di club europei che sotto il profilo finanziario probabilmente sono un po’ più solidi rispetto a quelli italiani, hanno anche loro dei debiti, ma di carattere strutturale. Quello che manca, secondo me, nella visione del calcio italiano era avere un pochettino più di coraggio sul tema degli stadi, negli ultimi 10 anni sono usciti appena 4-5 stadi. Quando non si ragiona di sistema, è chiaro che anche il calcio italiano comincia a subire dei colpi. Anche quando facciamo le cose purtroppo siamo più lenti rispetto ad altri campionati”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

LEGGI ANCHE >>> L’avvocato Lubrano a CMIT TV: “Il campionato non è falsato. Nessuna decisione deviata”

STADI – “La tematica oggi non è soltanto dire, rinnoviamo gli stadi, ma facciamolo in fretta. Se questo non lo capiamo, faremo le cose in netto ritardo rispetto ad altri mondi. Per me un punto di riferimento è il modello del Bayern Monaco“.

Vulpis ha concluso dicendo: “Da politico rispondo che bisogna stare tutti un po’ più tranquilli, credo che questo sia il tempo della ragione e della concretezza. Verremo valutati per i risultati che porteremo a casa a seconda delle situazioni che andremo a gestire. Questo è il futuro di qualsiasi sistema complesso come è il mondo del calcio”.