CMIT TV | Inter-Sassuolo, Colonnese: “Se è permesso dalla legge, non mi scandalizzo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:06
Colonnese Cmit Tv Inter-Sassuolo

Alla CMIT TV, interviene Francesco Colonnese, ex difensore dell’Inter: le sue parole sul rinvio di Inter-Sassuolo e non solo

Il tema caldo di giornata è sicuramente il rinvio di Inter-Sassuolo per i casi Covid tra i nerazzurri. Tema lungamente dibattuto nella diretta della CMIT TV su Youtube con vari ospiti, tra cui Francesco Colonnese, ex difensore nerazzurro. “Sui rinvii per Covid, ci ho capito poco dall’inizio di questa storia – ha spiegato – E’ difficile giudicare, ma credo che ogni società agisca per il meglio per la sua squadra. E’ chiaro che se un club vede molti giocatori col Covid e vede la possibilità di avere il rinvio, che per altro è permesso dalla legge, oltretutto nel caso dell’Inter con una situazione importante di classifica da gestire, non mi scandalizzo”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus e Inter, tra Ronaldo e Conte | La previsione di Birindelli

Ronaldo o Cristiano Ronaldo, Colonnese: “Il Fenomeno campione anche di umanità”

Nel corso della lunga chiacchierata con Colonnese, toccati anche altri temi, come la serata di Europa League importante per il calcio italiano e non solo: “Ci sono rimaste solo Milan e Roma, le prospettive se i rossoneri buttassero fuori lo United diventerebbero interessanti, ma servirà una grande prova, gli inglesi giocheranno in maniera diversa rispetto all’andata. Il Milan ha patito molto l’assenza di Calhanoglu e deve ritrovare un ottimo rendimento in difesa. Per i giallorossi, credo che il vantaggio di tre gol la metta al sicuro. Una volta arrivate ai quarti entrambe potrebbero arrivare in fondo. Ronaldo o Cristiano Ronaldo? Il Fenomeno era arrivato nella fase ascendente della sua carriera e aveva conquistato tutti, era un mito per tutti, faceva innamorare a prima vista. Era un campione anche di umanità”. Sulla sua assenza dal mondo del calcio: “Continuo a seguirlo, ma oggi lavorare nel mondo del calcio significa prostituirsi e io ho dei valori. Mi godo la famiglia nella quotidianità e va bene così”.