Calciomercato Milan, messaggio di Tomori sul futuro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:25
Calciomercato Milan, riscatto Tomori deciso | Le cifre
Fikayo Tomori © Getty Images

Fikayo Tomori parla del suo futuro. Il difensore inglese è diventato presto un titolare per il Milan di Stefano Pioli. Per il riscatto dal Chelsea servono circa 28 milioni di euro

Fikayo Tomori ha convinto fin dal primo minuto il Milan e i suoi tifosi. Il difensore ha fatto il suo esordio, senza nessun allenamento con i rossoneri nelle gambe, nel derby di Coppa Italia, riuscendo a contenere nel miglior modo possibile Lukaku. Anche nelle gare successive ha dimostrato tutto il suo valore, mettendo in campo caratteristiche uniche per il gruppo di Pioli. Anche per questo il Milan vorrebbe riscattare il giocatore, arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Chelsea, durante il calciomercato di gennaio. La somma che i rossoneri dovrebbero versare nelle casse del club londinese non è certo bassa, circa 28 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> CMIT TV | Milan-United, Beretta: “I rossoneri possono farcela. Ibra in Nazionale…”

Maldini e Massara sono pronti a trattare con gli inglesi per cercare di abbassare il prezzo ma non sarà facile. C’è dunque incertezza su Tomori. Il difensore – intervistato da ‘The Times’ – ha parlato così del suo futuro: “Mi piace stare al Milan, se rimarrò qui più o meno a lungo ancora non lo so. Cerco di non pensare così lontano: ciò spetta a chi di dovere, non a me. C’è tanta strada da fare prima che si chiuda la stagione. Se le opportunità arriveranno al Chelsea, al Milan o altrove, io mi farò trovare pronto”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube!

Milan, Tomori: “Ibra un leader paterno”

Milan, Ibrahimovic e Bennacer in gruppo
Zlatan Ibrahimovic © Getty Images

Tomori ha parlato anche di Zlatan Ibrahimovic, fondamentale per il gruppo del Milan – “E’ una figura paterna per tutti noi – prosegue il difensore – Anche quando non gioca entra negli spogliatoi e parla come se stesse iniziando la partita. Ha quell’aura da leader. Quando è vicino senti la sua presenza: non è intimidatorio o scoraggiante, tutti vogliono migliorare il proprio livello per soddisfare le sue aspettative”.

MALDINI – “”Si sente la sua presenza – prosegue Tomori – Ho voglia di impressionarlo. E’ come se un attaccante venisse elogiato da Cristiano Ronaldo e Messi direttori sportivi, è pazzesco. Mi parla prima di ogni partita e, anche se non ho fatto benissimo, mi sostiene”.