Real Madrid-Atalanta, Gasperini: “Non pensiamo all’andata. Djimsiti recuperato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:03
Real madrid-Atalanta, Gasperini in conferenza
Gasperini ©️Getty Images

Alla vigilia della super sfida di domani contro il Real Madrid in Champions ha parlato Gian Piero Gasperini in conferenza stampa 

Big match di Champions domani per l’Atalanta che sarà di scena a Madrid per affrontare il Real nella gara di ritorno degli ottavi di Champions. A presentare la sfida ci ha pensato in conferenza stampa, Gian Piero Gasperini: “Non possiamo pensare di battere il Real a tutti i costi, è abbastanza presuntuoso. Dobbiamo dare il tutto per tutto in campo, spero sia sufficiente contro una squadra tra le più titolate. Vincere solo in trasferta? E’ sempre complicato in trasferta, nonostante gli stadi siano chiusi. Siamo ancora dentro, vedremo durante la partita tutte le nostre occasioni. Benzema è uno degli attaccanti più forti al mondo, ma il Real non ha solo lui, sono capaci di far gol in tanti modi. Se sappiamo reggere l’urto possiamo poi capire quali saranno le nostre occasioni”.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> Real Madrid-Atalanta | UFFICIALE: nuovo infortunio, è out!

LEGGI ANCHE >>> Champions League, ecco l’arbitro di Real Madrid-Atalanta

INFORTUNATI –Djimsiti ha recuperato pienamente, aveva una semplice contusione che ha smaltito in pochissimo tempo. Zapata? Siamo pronti al di fuori di Hateboer e Sutalo, Freuler è squalificato e Kovalenko non è in lista”.

Sulla partita di domani: “Siamo preparati per giocare nel nostro modo, ormai abbiamo incontrato tante squadre con la difesa a tre. Non sarà questo che modificherà la formazione, Pessina gioca (ride, ndr). Sappiamo che il Real può adottare varie soluzioni, ma abbiamo la preparazione per adattarci e fare le nostre scelte. La formazione non viene snaturata in base all’avversario. In Europa ci sono molte squadre competitive, il Bayern o il City possono sembrare le squadre più forti, ma il livello di Real o Barcellona è comunque molto alto. Dipende molto come si arriva alla fase finale, è un’annata particolare e ci sono tanti infortuni. Questi fattori possono spostare il valore di una squadra da un mese all’altro, ma le spagnole sono competitive a tutti i livelli”.

Gasperini sulla gara d’andata: “Non era rabbia, ma il dispiacere per non aver potuto giocare con il nostro modo. Abbiamo giocato una partita difensiva. Non pensiamo alla gara dell’andata, è superata. Domani c’è un’altra partita, in qualche modo siamo ancora dentro. È più difficile, ma la nostra motivazione è molto alta proprio perché vogliamo misurarci con una delle migliori squadre al mondo. Per noi è fondamentale poterci misurare per capire a chi livello siamo”.