Sassuolo-Verona, Juric non ci sta: “Volevo vincere. Penso solo all’Hellas”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:35

Il Verona esce sconfitto dal campo del Sassuolo e Juric ha di che recriminare. Dalle sue dichiarazioni arriva anche un commento su De Zerbi

Ivan Juric esce sconfitto dalla sfida con Roberto De Zerbi: il Sassuolo torna alla vittoria e supera gli scaligeri che adesso sono al nono posto in classifica. La prestazione fa innervosire il tecnico del Verona, che si aspettava di poterla vincere, ma si è soffermato sulla sfida che sta nascendo, in nome di una sana rivalità, con il tecnico neroverde.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Sassuolo-Verona 3-2: De Zerbi torna a vincere un mese dopo

“A me Roberto piace. È retrocesso col Benevento e col Palermo ma ha mantenuto le sue idee” ha detto Juric, che nel tentativo di fare un complimento al collega ha sottolineato i due momenti di maggior difficoltà della sua carriera. “La rivalità è bella perché siamo simili, siamo della stessa generazione, con una mentalità aperta. Sta vincendo molto lui, ma noi abbiamo fatto bellissime partite. Ho stima di lui” ha detto ai microfoni di ‘SkySport’.

Juric non ci sta: “Volevo vincere”

Verona, UFFICIALE l'esito dei tamponi
Ivan Juric © Getty Images

Poi un cenno anche ai giocatori partiti nel corso dell’estate: “Abbiamo preso dei giocatori in difficoltà di allenamenti e psicologico, ma adesso ne stiamo migliorando le prestazioni e sono contento di come stanno andando le cose. Chiaramente quando sei l’Hellas e arriva la Roma e offre 25 milioni è normale accettare e vedere Kumbulla che va via, così come Rrahmani. Poi noi abbiamo preso dei giocatori in difficoltà, ma è il nostro lavoro. Quando non mi andrà più di fare così e vorrò giocatori già pronti vedrò”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, la cronaca di Sassuolo-Verona 3-2

In chiusura, la possibilità di raggiungere Rrahmani al Napoli, viste le voci insistenti che vorrebbero Juric pronto a sostituire Gattuso sulla panchina partenopea l’anno prossimo: “Napoli? Sono concentrato sulla mia squadra e mi gira perché oggi volevo vincere: dovevo avere tre punti in più e andare avanti”.