Benevento-Fiorentina, Foggia: “Squadra in ritiro. Ecco perché Inzaghi non parla”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:45
Benevento Foggia Vigorito
Ciro Vigorito e Pasquale Foggia (Getty Images)

Benevento-Fiorentina, dopo il pesante ko nel postgara parla ai microfoni solo il ds Foggia in luogo del tecnico Inzaghi

Pesantissimo 1-4 per il Benevento contro la Fiorentina, situazione di classifica che inizia a farsi preoccupante per i campani dopo un ottimo girone d’andata. Il tecnico Filippo Inzaghi non parla alle tv nel dopogara, si presenta invece il ds Pasquale Foggia che a ‘Sky’ spiega: “L’allenatore e la squadra devono isolarsi in questo momento, gli evitiamo altri pensieri. Inzaghi non rischia, è giusto che parli la società. Non è la prima volta che accade nel calcio che un allenatore non parli, siamo tutti amareggiati. L’unica comunicazione che sento di fare è che domani inizieremo un ritiro, serve un confronto da uomini da parte di tutti. Siamo in un momento negativo che dura da un po’, è evidente che ci sono delle difficoltà. La Serie A è complicata, ma ci sono problemi mentali: i giocatori e la guida tecnica sono gli stessi dell’andata. Serve un’analisi di coscienza da parte di tutti, me incluso. Siamo tutti sulla stessa barca e dobbiamo uscirne da uomini, se siamo in grado di farlo”

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

Sulla gara: “Non voglio cercare alibi. Ma il Var se c’è va usato. I rigori si possono dare e non dare, ma almeno controllare se si possono dare. La mano di Caceres non è attaccata al corpo, era quantomeno da rivedere. La trattenuta su Gaich sarebbe stata rigore, ma è giovane e non è andato giù…Non ci attacchiamo agli episodi, è solo una constatazione. La classifica alla fine non è così negativa, certo che se iniziamo a provarci solo dopo aver preso tre gol qualcosa non va”.