Un anno di Covid: come è cambiata la Serie B tra stadi vuoti, tamponi e pause

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:07
Allarme Covid in Serie A
Allarme Covid in Serie A © Getty Images
Allarme Covid in Serie A
Il calcio ai tempi del Covid © Getty Images

Come è cambiata la Serie B dopo un anno di Covid, tra pause, lockdown, stadi vuoti e tamponi: la situazione

Lo stop a marzo, la ripresa a giugno, e poi i tamponi, gli spalti vuoti: come è cambiato il calcio, la Serie B nell’era della pandemia da coronavirus. Dal 9 marzo, quando tutto si è bloccato per la prima volta, fino a oggi, il Covid ha stravolto il mondo del pallone, che vede le ripercussioni non solo sul rettangolo da gioco, ma anche nei conti delle varie società, costrette a rinunciare non solo ai propri tifosi – e agli introiti che da essi arrivano -, ma a doversi sobbarcare anche il costo di tutti gli obblighi da effettuare per rispettare il protocollo… CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO SU SERIEBNEWS.COM