Inter, Cassano va all’attacco: “Vinto senza mai tirare in porta. Mi sarei fatto sostituire”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:44
Calciomercato, Cassano 'esonera' Pirlo:
Cassano alla 'Bobo TV'

L’ex attaccante dell’Inter Antonio Cassano si è espresso duramente sul gioco dei nerazzurri a margine della vittoria di San Siro contro l’Atalanta 

L’Inter ha sbancato San Siro con un gol di Skriniar nella complicata serata di ieri contro l’Atalanta. Una vittoria dall’importanza capitale per la corsa scudetto, con i nerazzurri Conte che allungano nuovamente sul Milan a +6 con scontro diretto a favore. In penombra l’attacco interista con Lukaku sprecone e Lautaro molto sacrificato in entrambe le fasi. Al contrario è stata esaltata una grande fase difensiva, con un super Handanovic in determinati momenti della sfida. Un tipo di gioco che però non è particolarmente piaciuto all’ex nerazzurro, Antonio Cassano, che nel consueto appuntamento a ‘Bobo TV’ su Twitch ha criticato aspramente il gioco della squadra di Conte. Per restare aggiornato con le ultime news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Conte vuole il talento gratis | Contatti avviati!

LEGGI ANCHE >>> Inter-Atalanta, Conte: “Ci temevano” | “Vi svelo la nostra vera forza”

Inter, Cassano critica: “Quando si alza il livello soffre”

Cassano ha sottolineato i meriti dell’Atalanta: “L’Atalanta meritava di vincere, l’Inter non ha mai tirato in porta, non può ogni volta giocare dietro la linea della palla rinunciando al pallino del gioco. È facile fare la partita contro il Parma, contro il Bologna, ma quando si alza il livello soffre. L’Inter è rimasta nella propria metà campo, sempre in difesa, nonostante la differenza enorme di qualità”.

Cassano ha quindi insistito sull’Inter: “È in testa alla classifica con merito per quanto fatto negli ultimi due mesi e vincerà lo scudetto, ma non accetto che giochi con 10 uomini dietro la linea della palla. Fossi stato in Lautaro dopo 10 minuti mi sarei fatto sostituire. Penso che Vidal abbia già dato il meglio, a 34 anni la benzina è finita”.