Cambia la regola sui falli di mano | Interviene l’IFAB

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18
IFAB, cambia la regola sui falli di mano
Arbitro Serie A ©Getty Images

Arriva un nuovo chiarimento sulla regola relativi ai falli di mano direttamente dall’International Football Association Board (IFAB)

Nonostante l’avvento del Var negli ultimi anni le polemiche arbitrali non si sono ancora placate. In particolar modo nell’occhio del ciclone spesso e volentieri ci sono finiti i falli di mano, che hanno subito spesso e volentieri diverse reinterpretazioni anche regolamentari. A tal proposito l’IFAB (International Football Association Board), nell’annuale Assemblea Generale, ha optato per un ritorno al passato che porti ad una maggiore discrezionalità da parte del direttore di gara. Nello specifico si legge nel comunicato: “I membri hanno confermato che non ogni tocco della mano / braccio di un giocatore con la palla è un’infrazione. Per quanto riguarda il criterio della mano / braccio che rende il corpo di un giocatore “innaturalmente più grande”, è stato confermato che gli arbitri dovrebbero continuare a usare il loro giudizio nel determinare la validità della posizione della mano / del braccio in relazione al movimento del giocatore in quella specifica situazione”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, non solo Cristiano Ronaldo | Decise tre cessioni

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, colpo per Pioli: l’attaccante dalla Germania!

A margine di questo chiarimento la regola sui falli di mano va così ridisegnata: “È fallo di mano se un giocatore:

  • tocca deliberatamente la palla con la mano / braccio, ad esempio spostando la mano / braccio verso la palla;
  • tocca la palla con la mano / il braccio quando ha reso il loro corpo innaturalmente più grande. Si considera che un giocatore abbia reso il proprio corpo innaturalmente più grande quando la posizione della mano / del braccio non è una conseguenza o giustificabile dal movimento del corpo del giocatore per quella specifica situazione. Avendo la mano / braccio in tale posizione, il giocatore corre il rischio che la sua mano / braccio venga colpita dalla palla e venga penalizzato;

Inoltre l’IFAB stabilisce anche che un tocco di mano accidentale che porta un compagno di squadra a segnare un gol o ad avere un’opportunità di segnare una rete non sarà più considerata un’infrazione.