Real Madrid, nuovo infortunio | A forte rischio per l’Atalanta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:11
Verso Real Madrid-Atalanta, nuovo infortunio
Zinedine Zidane © Getty Images

Non c’è pace in casa Real Madrid. La squadra di Zinedine Zidane continua ad essere continuamente falcidiata dagli infortuni: nuova tegola in vista della sfida contro l’Atalanta 

Il Real Madrid di Zinedine Zidane si sta preparando al decisivo derby di domenica contro i rivali dell’Atletico che potrebbe accendere la corsa al titolo, o al contrario in caso di sconfitta mandare nel baratro Modric e soci. I ‘blancos’ stanno vivendo una stagione altalenante e parecchio condizionata anche dagli innumerevoli infortuni che si stanno abbattendo sul gruppo allenato dal tecnico transalpino vincitore di ben tre Champions alla guida del club. A proposito della massima competizione europea, il Real dovrà affrontare il 16 marzo l‘Atalanta di Gasperini nella gara di ritorno valida per gli ottavi di finale.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> Classifica senza VAR: Juventus a un punto dall’Inter | Roma e Atalanta appaiate

LEGGI ANCHE >>> CM.IT | Juventus, Arthur per il Porto “sospende” la terapia: ottimismo per la Champions

Si tratta di una sfida da dentro o fuori senza alcun appello, dalla quale potrebbe anche dipendere una piccola fetta del futuro prossimo dello stesso Zidane. L’allenatore francese forte dell’1-0 raccolto all’andata a Bergamo ha i favori del pronostico ma dovrà fare i conti con le assenze che non accennano a fermarsi. Nuovo infortunio infatti da registrare a Madrid con il KO di Mariano Diaz, attaccante che aveva giocato parte della ripresa contro l’Atalanta. Ad annunciarlo lo stesso Real con un comunicato: “A seguito dei test ai quali è stato sottoposto oggi il nostro giocatore Mariano Diaz dai Servizi Medici del Real Madrid, è stato diagnosticato un infortunio muscolare all’otturatore esterno sinistro. La situazione è in evoluzione”.

L’attaccante del Real Madrid potrebbe stare fermo un paio di settimane ed è quindi a fortissimo rischio per il ritorno del 16 marzo. La situazione va comunque tenuta sotto controllo.