Juventus, De Paola sentenzia: “La Champions League è a rischio!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
Paola De Paola:
Gennaro Gattuso e Andrea Pirlo ©Getty Images

Il giornalista Paolo De Paola ha parlato della corsa alla prossima edizione della Champions League, che rigurda anche Juventus e Napoli

La Juventus di Andrea Pirlo è reduce dalla vittoria, non senza sofferenze, contro lo Spezia nel turno infrasettimanale. Al netto della partita da recuperare contro il Napoli il prossimo 17 marzo, la compagine bianconera si trova al terzo posto in classifica, a quota 49 punti, in coabitazione con l’Atalanta. Alle loro spalle, un gruppo di inseguitrici che comprende Roma a 47, Napoli a 44 e Lazio a 43 punti. Lotta serrata, dunque, per acquisire il diritto a partecipare alla prossima edizione della Champions League, un obiettivo indispensabile dal punto di vista sportivo e da quello economico, a maggior ragione vista l’attuale situazione in cui versa il mondo del calcio a causa del Covid-19. Ma non tutti credono nella squadra del presidente Andrea Agnelli in ottica europea e lo stesso discorso riguarda anche il Napoli di Gennaro Gattuso: “Il Napoli rischia la Champions, vedo squadre più forti – le parole del giornalista Paolo De Paola a ‘Radio Punto Nuovo’ – La vedo con difficoltà entrare nel novero delle prime quattro e, al momento, non la vedo come gioco né come squadra. Anche la Juventus rischia di restare fuori dalla Champions? Certo“.

LEGGI ANCHE>>>CMIT TV | Napoli, Donati e lo sfogo di Insigne: “Dura da accettare”

De Paola: “Resa dei contri Pirlo-Gattuso. Insigne non mi piace”

Il discorso, poi, si sposta sui risultati del turno infrasettimanale. Come detto, la Juventus ha conquistato i tre punti contro lo Spezia, mentre il Napoli ha pareggiato 3-3 contro il Sassuolo. “La Juventus ha vinto la partita, ma è stata irriverente per il gioco del calcio. Non è quello il modo di giocare. Stesso discorso per Sassuolo-Napoli, il pareggio sta stretto agli emiliani. Nel Napoli ci sono tante cose che stanno quadrando poco. Sta arrivando la resa dei conti per due allenatori: Gattuso e Pirlo. I nodi vengono al pettine e questo è il momento decisivo della stagione. Lo sfogo di Insigne? A me non piace. È un giocatore importante, ma questa rabbietta non serva a niente. Un leader non deve essere stizzoso, deve trascinare la squadra. Sono atteggiamenti che rivelano immaturità. Guardate che per un intero campionato, Insigne fa sempre le stesse mosse: palla sul destro e pallone a rientrare”. Giudizi tranchant di De Paola che, certamente, faranno discutere.