Calciomercato, UFFICIALE | Henry si è dimesso: “Voglio Londra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45

Thierry Henry non è più l’allenatore del Montreal FC: il tecnico lo annuncia sul proprio account Twitter specificando i motivi delle dimissioni

Thierry Henry lascia il Montreal FC. Lo annuncia lo stesso tecnico francese tramite un post sul proprio account Twitter, mettendo fine alla sua parentesi in Canada. Arrivato il 14 novembre del 2019, lo scorso anno l’ex attaccante francese aveva guidato la società a guadagnarsi il pass per i playoff, per la prima volta dal 2016. Adesso, però, a causa di motivi familiari, Henry ha deciso di lasciare il club canadese e la MLS.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, UFFICIALE: l’ex Milan vola in MLS! I dettagli

Calciomercato, UFFICIALI le dimissioni del tecnico

(Getty Images)

Questo il post che ha scritto Henry: “È con profonda tristezza che scrivo questo messaggio. Lo scorso anno è stato estremamente difficile per me, personalmente. A causa della pandemia mondiale, non ho potuto vedere i miei figli. Sfortunatamente a causa di queste restrizioni e il fatto che dovremo trasferirci nuovamente negli Stati Uniti per alcuni mesi, la situazione non cambierà. Questa separazione è troppo dolorosa per me e i miei figli”.

LEGGI ANCHE >>> Bojan Krkic brilla in MLS: splendida rete contro il New York Red Bulls

Quindi la decisione di lasciare Montreal e tornare in Inghilterra, dove vive: “Devo quindi prendere la decisione di tornare a Londra e lasciare il Montreal. Ringrazio i tifosi, i giocatori e tutto lo staff del Club che mi ha accolto così calorosamente. Vorrei ringraziare Kevin Gilmore, Olivier Renard e naturalmente Joey Saputo e l’intera sua famiglia per avermi dato questa meravigliosa opportunità. Abbiamo passato insieme un anno impossibile e giocare i playoff con questo gruppo è stata un’esperienza che non dimenticherò mai. Grazie e auguro a tutti buona fortuna per il futuro”.

Il Montreal FC non ha ancora annunciato chi prenderà il posto di Henry da domani in avanti: la squadra canadese aveva terminato la stagione al nono posto, accedendo al tabellone dei playoff, persi poi contro il New England Revolution.