Napoli-Granada, Gattuso: “Giusto massacrarmi”. Poi ‘avvisa’ la squadra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:35
Gattuso conferenza Napoli-Rijeka
Gattuso in conferenza (Twitter Napoli)

Le dichiarazioni di Gennaro Gattuso alla vigilia del match Napoli-Granada valevole per il ritorno dei sedicesimi di Europa League

Visto il 2-0 patito in Spagna una settimana fa, domani il Napoli di un Gattuso sempre più traballante sarà chiamato all’impresa per qualificarsi agli ottavi di Europa League. Ecco le parole del tecnico azzurro nella conferenza di vigilia della sfida col Granada.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, ultima chiamata per Gattuso: De Laurentiis ha deciso

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

Napoli-Granada, Gattuso: “Abbiamo il dovere di provarci. Mertens disponibile, ma partirà dalla panchina. Rischiamo figuracce se…”

atalanta napoli gattuso
Gennaro Gattuso (Getty Images)

INFORTUNATI – “Di quelli ai box non recupero nessuno. Abbiamo perso anche Osimhen, mentre Demme e Hysaj fanno lavoro differenziato e quindi non sono pronti per essere convocati”.

MERTENS – “Dries ieri ha svolto lavoro individuale, verrà in panchina. Ci ha dato disponibilità, però sappiamo che non è al cento per cento. Potrebbe giocare una quindicina di minuti, nel caso avessimo bisogno di lui”.

POLITANO – “Matteo al centro del tridente? Non faccio nomi perché non voglio dare alcun vantaggio. Potrebbe giocarci anche Elmas, domani decidiamo”.

MOMENTO DIFFICILE – “Stiamo attraversando un periodo negativo, le prestazioni sono al di sotto delle possibilità. Il primo colpevole sono io, adesso bisogna lavorare tanto e parlare poco”.

MESSAGGIO ALLA SQUADRA – “Mi aspetto di partire diversamente rispetto all’andata. La squadra deve leggere meglio certe situazioni. Pure a Bergamo l’approccio è stato sbagliato, il pericolo va annusato. A livello di mentalità va messa qualcosa in più”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, difensore dalla Premier | Concorrenza del Leicester

OBIETTIVI – “Il nostro obiettivo è su tutte le competizioni, quindi anche l’Europa League lo è. In questo momento, però, siamo con l’acqua alla gola a livello numerico, anche se questa cosa non deve essere usata come scusa. Chi sta giocando sta dando tutto, devo ringraziare i miei giocatori per come stanno stringendo i denti”.

CRITICHE – “Le critiche sono meritate, è giusto che venga massacrato anche se ne ho sentite tante: che butto le mani avanti, che ho i ragazzi della Primavera… I miei ragazzi devono comunque essere pronti, altrimenti rischiano di fare le figuracce”.