Milan-Inter, Pioli in conferenza: “Ibra-Lukaku? Cosa accadrà domani. Mandzukic e Bennacer…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23
Milan-Udinese, Pioli in conferenza
Stefano Pioli in conferenza stampa

Stefano Pioli parla in conferenza stampa in vista dell’importante derby tra Milan e Inter. Segui le dichiarazioni del tecnico in vista della stracittadina

Stefano Pioli ha parlato in vista della partita contro l’Inter di domani pomeriggio. Il tecnico presenta la partita: “Ho sempre creduto nella forza dei miei calciatori. Siamo concentrati, volenterosi e vogliosi di fare questa partita. Cosa cambia rispetto all’andata? Tatticamente l’abbiamo preparata, vedremo le situazioni domani. Le due squadre hanno una fisionomia bella chiara. Sono state sempre partite equilibrate, con tante palle gol. Domani la squadra che avrà maggiore compattezza e maggiori qualità, avrà più possibilità”.

Su Tonali: “Sono assolutamente convinto che lui abbia un potenziale enorme. Resta un giocatore molto giovane, al primo anno a certi livelli. Sono convinto sarà un giocatore molto forte. Sta già dimostrando. Bisogna reggere queste aspettative, ma lo vedo sereno e determinato”.

Su Lukaku e Ibrahimovic: “Sicuramente nelle ultime partite non abbiamo alzato il nostro livello. Domani dovremo essere molto corti. Poi quando stai bene in difesa, poi si riesce ad attaccare molto bene. Grande rispetto per Lukaku che sta dimostrando di essere un ottimo giocatore, ma tengo tutta la vita Ibrahimovic“. Sul faccia a faccia tra lo svedese e il belga: “Quello che è successo sarebbe stato meglio non fosse successo, ma domani sarà un’altra partita. Ci saranno duello e scontri, ma anche grande rispetto e sportività“.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, niente rinnovo | Il big verso la Premier

Milan-Inter, Pioli analizza il derby di domani: il punto sugli infortuni

Milan-Inter, Pioli parla in conferenza stampa
Pioli (getty images)

Ancora di domani: “E’ la partita più importante. Siamo stati primi per 20 giornate, ora possiamo tornarci. Non sarà decisiva per lo Scudetto, ma è molto importante e l’abbiamo preparata così. Come giocherà l’Inter? Si pensa sempre anche agli avversari. I nerazzurri possono sia aggredire che aspettare. Noi dobbiamo essere lucidi e più precisi, muoverci di più. Noi dovremo essere bravi a scegliere le giocate giuste e le posizioni corrette”.

Sull’analisi del possibile risultato finale: “Le ultime partite non ci hanno tolto certezze. Il nostro modo di stare in campo ci ha dato grandi vantaggi. Anzi le ultime partite ci hanno permesso di imparare e essere più forti. Se pensassimo che il pareggio potrebbe starci bene, saremmo più vicini alla sconfitta”.

Su Ibrahimovic: “Domani dovrà essere una partita di collettivo e poi metteremo in evidenza i singoli. Poi lui è uno di quei giocatori di qualità che ci permetterà di trovare la giocata vincente. Ora la testa di tutti è al derby, poi penseremo ad altro. Tomori sta facendo molto bene. Ha caratteristiche diverse dagli altri compagni di reparto. E’ più adatto però a giocarsi la partita contro attaccanti come Lautaro Martinez o Sanchez rispetto a Lukaku. E’ un’arma a disposizione e sono contento di lui. Mandzukic? Ha avuto una lesione spero sia una cosa di poco tempo. Spero anche di avere Bennacer a breve, non ha avuto una ricaduta, è il muscolo che fa fatica a ritrovare elasticità“.

Sull’obiettivo del Milan: “Abbiamo la nostra visione, la nostra mentalità. Il nostro obiettivo è dare il massimo e iniziare a farlo da domani, poi tireremo le somme. Abbiamo 17 punti in più rispetto all’anno scorso, ma mancano ancora tante partite. Vogliamo portare a casa il più possibile da questa gara”.

Torna anche su Belgrado: “Ero deluso a fine partita. Non abbiamo avuto quella voglia di cercare un altro gol. Dopo tutto il nostro percorso, sono situazioni che dobbiamo sviluppare al meglio. Domani la nostra prestazione dovrà essere massimale. Servirà grande qualità”.

Sull’atteggiamento della squadra: “Vogliamo comandare il gioco, ma l’Inter è stata costruita per vincere lo Scudetto e essere protagonista in Europa. Abbiamo le nostre qualità e giocheremo fino in fondo le nostre carte. Domani c’è il derby, alcuni dei nostri avevano bisogno di trovare il ritmo. Schiererò giocatori che stanno bene, che sono pronti. Domani la squadra è competitiva per cercare di ottenere il meglio da questa partita. Stiamo preparando bene questo match, c’è la serenità giusta. I tifosi sono fantastici. Poi dobbiamo riportare tutto sul campo: abbiamo fatto tutto quello che serviva”.