CMIT TV | Gregucci: “Conte-Agnelli? Non è giustificabile. Per Gattuso tante anomalie”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:05
Gregucci a CMIT TV
Gregucci a CMIT TV

Intervenuto ai microfoni di CMIT TV Angelo Gregucci ha parlato dei temi del giorno, dal possibile esonero di Gattuso allo scontro Conte-Agnelli

Nel quotidiano TG mercato di Calciomercato.it, è intervenuto anche Angelo Gregucci. Il mister – in diretta su CMIT TV – ha detto la sua sulle tematiche del giorno. Dallo scontro Conte-Agnelli al possibile esonero di Gattuso: “Conte-Agnelli? Penso che ci sia stata un po’ di tensione. Non è giustificabile, certo non è un bel vedere. Forse le motivazioni non le conosce nessuno”.

ATALANTA – “E’ una qualificazione meritata, sta praticando un calcio bello da vedere, con una proposta di calcio che fa riferimento alla mia generazione. Nei duelli c’è l’essenza dello sport. l’Atalanta ci sta rappresentando anche in Europa”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

Napoli, Gregucci: “Bisogna far passare la stagione”

Napoli Gattuso Fiorentina
Gennaro Gattuso (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Napoli, Juve decisiva per Gattuso! Spalletti solo in un…

NAPOLI – “Il Napoli ha bisogno di un po’ di serenità e compattezza – prosegue Gregucci  -. Una squadra che ha pressioni sul proprio allenatore non potrà fare prestazioni serene al massimo della potenzialità. Il Napoli deve ritrovare serenità, cercando di fare le cose semplici ma al Napoli non esistono cose semplici”.

SPALLETTI – “Non so se possa essere la soluzione. Sembrava ci fosse una grande programmazione ma bisogna far passare la stagione e tirare le somme alla fine”.

CALCIO E COVID – “E’ un anno particolare, dove devi fare tamponi a ripetizione. Il Napoli non ha mai avuto Osimhen praticamente. Mertens si è fermato a San Siro per un infortunio importante. Non voglio difendere Gattuso ma è chiara la situazione che si sta vivendo, tra covid e infortuni. Ci sono tante anomalie”.

NAZIONALE ITALIANA – “Vedo il calcio francese, tedesco e spagnolo leggermente avanti ma il calcio italiano si è avvicinato. Venderemo cara la pelle e metteremo in evidenza alcuni giovani importanti, come Nicolò Barella”.